Libia, missione Ue Irini attiva dal 1 aprile

Il Consiglio europeo ha adottato la decisione di lanciare l’operazione Eunavfor Med Irini il giorno 1 aprile 2020. Lo ha fatto sapere con una nota, sottolineando che Irini “avrà come principale obiettivo l’applicazione dell’embargo Onu sulle armi attraverso l’uso di asset aerei, satellitari e marittimi. In particolare, la missione potrà effettuare ispezioni di navi in alto mare al largo della costa della Libia, sospettate di trasportare armi o materiale correlato verso e dalla Libia, in accordo con la risoluzione del Consiglio di sicurezza Onu 2292 (2016)”. Tra gli “obiettivi secondari” viene specificato che Irini potrà “contribuire all’interruzione del modello di business del traffico di esseri umani e delle reti di traffico attraverso la raccolta di informazioni e il pattugliamento con aerei”.

La missione sarà guidata dal comandante Fabio Agostini e la sede centrale sarà a Roma. Il mandato durerà inizialmente sino al 31 marzo 2021 e “sarà sotto stretto controllo degli Stati membri dell’Ue, che eserciteranno controllo politico e direzione strategica attraverso il Comitato politico e di sicurezza (Cps), sotto la responsabilità del Consiglio e dell’Alta rappresentanza dell’Unione per Affari esteri e Politica di sicurezza”. In parallelo, la missione Sophia cesserà definitivamente la sua attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com