Libia e Sarraj: ‘800mila migranti pronti a invadere l’Italia’

 

‘Fate presto, il peggioramento della situazione in Libia potrebbe spingere 800mila migranti e libici a invadere l’Italia e l’Europa. E in questo enorme numero di migranti ci sono anche criminali e soprattutto jihadisti legati a Isis’,  sostiene il premier libico Fayez al-Sarraj, in un’intervista all’inviato del ‘Corriere della Sera’ a Tripoli, pubblicata sul sito del quotidiano.

Ringrazio l’Italia per aver tenuto aperta l’ambasciata, per mantenere in funzione l’ospedale da campo a Misurata, per il supporto politico che il governo Conte ci sta offrendo – afferma il premier libico -. Siamo di fronte a un’aggressione che potrà diffondere il suo cancro in tutto il Mediterraneo. C’è bisogno che Roma e l’Ue siano unite e ferme nel bloccare la guerra di aggressione di Haftar, che ha tradito la Libia e la comunità internazionale”.

Intanto infuria la battaglia a Tripoli. Una intera compagnia di Tarhouna delle forze di Khalifa Haftar si è arresa alle forze governative libiche sul fronte di Suani ban Adem, 25km a sudovest di Tripoli. La compagnia, composta da una trentina di militari, si è consegnata uomini e mezzi – tra i quali diversi pick-up e blindati – alla brigata 166 di Misurata, attiva nell’area. E’ salito intanto a 130 morti, 560 feriti e 16mila sfollati il bilancio degli scontri in Libia.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com