LAVORO E DAMIANO: “SENATO SE NE OCCUPERÀ SOLO PART-TIME”

“L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro, ma il Senato se ne occuperà a metà tempo.”,  dichiara Cesare Damiano, già ministro del Lavoro e consigliere Inail. “Questa affermazione – continua – può sembrare una provocazione, ma a ben guardare non è molto distante da quanto si determinerà, a decorrere dalla prossima legislatura, in conseguenza delle modifiche del regolamento del Senato. Nella quasi indifferenza generale, infatti, si è proceduto all’accorpamento di diverse commissioni permanenti. Tra queste, sono state accorpate in una medesima commissione le competenze che prima erano appannaggio della Commissione Lavoro e quelle della Commissione Igiene e sanità. Una scelta apparentemente ‘organizzativa, ma che sottende una svalutazione del fattore lavoro che, viceversa, dovrebbe essere considerato un elemento di emancipazione dei cittadini e una leva indispensabile per lo sviluppo economico del Paese.”

“Allo stesso tempo, anche immaginare che il tema della salute pubblica, dopo la tragedia della pandemia – ancora non superata – possa essere gestito da parlamentari che dovranno dividersi tra le specificità della medicina e della ricerca e le specificità del mondo del lavoro, appare davvero sorprendente. Lo stesso problema lo avremo alla Camera? La tanto sbandierata centralità del lavoro ha subito un altro colpo. Anche per i parlamentari occuparsi di questo tema cruciale diventerà un part-time imposto”.

Circa Redazione

Riprova

Disabili senza cure. L’atto di accusa del neurologo Enrico D’Angelo in una lettera alla responsabile riabilitazione della ASL

Nella lettera il medico chiede spiegazioni su una situazione che definisce “insostenibile” Enrico D’Angelo è …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com