Lamborghini Maradona, omaggio al campione argentino

La scorsa domenica (31 luglio) si è concluso l’evento Bull Days nel Mezzogiorno, primo appuntamento di un’esperienza che non si era mai vista prima d’ora. “Bull Days Vesuvio” è stato creato per omaggiare in perfetto stile #LikeNobodyElse le terre campane e la città di Napoli, ai piedi dell’iconico vulcano famoso nel mondo.

Un’edizione che è riuscita a superare ogni aspettativa, un vero successo reso possibile grazie all’organizzazione eccellente e a un grande lavoro di squadra. Bull Days innanzitutto è una community, si definisce una cerchia esclusiva, un network globale che trova nel collettivo la sua forza originaria. Composta da figure influenti, personaggi dello spettacolo, professionisti dello star system, tycoon, broker, tutti accomunati nell’essere high-profile business people, con la passione innata per le supercar Lamborghini.

L’evento speciale a Napoli

La manifestazione è stata organizzata con un tour affascinante e magico lungo la costiera, da Napoli a Sorrento, che ha lasciato tutti senza parole. Ed è anche questo il motivo per cui il gruppo è già al lavoro per ripetere in futuro, più in vasta scala, un Bull Days in queste terre meravigliose e dal grande cuore.

L’ammiraglia del Bull Days: “LamboDiego”

Ospite d’onore dell’intero evento, accolta dal popolo napoletano con grande clamore, è la Lamborghini dedicata a Diego Armando Maradona, idolo indiscusso. La supercar ha fatto breccia nei cuori partenopei: si tratta in particolare di una Huracán customizzata con numero 10, firma ed effige del Pibe de Oro, un originale tributo a Maradona, eroe moderno, campione assoluto in grado di trasmutarsi a tutti gli effetti in una divinità popolare. È noto come l’asso argentino amasse le quattro ruote e possedesse proprio una lambo nel suo garage.

La “Tiffany Angel” è quindi diventata una star, durante i tre giorni di evento a Napoli: ribattezzata “LamboDiego” o ancora “Lamborghini Maradona”. La notizia è diventata virale e ha scatenato un boom mediatico senza precedenti.

In tutto ciò, il Gold Tower Lifestyle Hotel ha avuto un ruolo chiave nella pianificazione generale del Bull Days Vesuvio, la base di questa edizione partenopea. Un’organizzazione perfetta. L’accoglienza è stata la parola principe che ha guidato il Bull Days in queste bellezze campane conosciute in tutto il mondo. Tra gli ospiti speciali non poteva mancare lui, Fabio Lamborghini.

Lamborghini Huracán: un bolide da sogno

Il bolide eccezionale di Lamborghini oggi viene presentato dalla Casa nella sua più recente evoluzione: stiamo parlando della Lamborghini Huracan Tecnica,  soprannome che incarna l’evoluzione avanzata dell’abilità tecnica dell’auto. Da subito distinguibile, è un’innovazione dell’icona di Sant’Agata Bolognese, tanto esternamente quanto sotto il cofano. Il nuovo look evidenzia l’aerodinamica, che migliora per prestazioni, stabilità e facilità d’uso più elevate, in particolare su un circuito.

Il motore è lo stesso della versione STO, con unaumento di 30 CV rispetto alla EVO (arriva a 640 cavalli) a trazione posteriore (RWD), è in grado di erogare fino a 565 Nm di coppia a un massimo di 6.500 giri/min e uno scatto da 0 a 100 km/h in soli 3,2 secondi.

Le auto speciali di Maradona

Diego Armando Maradona, conosciuto in tutto il mondo per le sue doti calcistiche e soprannominato il Pibe de Oro, ci ha lasciati il 25 novembre del 2020. Appassionato di auto e motori, è famoso per aver collezionato nella sua vita dei pezzi unici, tra cui delle splendide Ferrari e Porsche (anche se la sua primissima auto, di cui avevamo parlato in passato, fu una Fiat 128 immatricolata nel 1982 e guidata dopo la vittoria del primo Mondiale).

Nella prestigiosa collezione c’era anche una Ferrari Testarossa nera comprata dal calciatore nel 1987; la Casa di Maranello realizzò solo tre esemplari in tutto dell’auto in questa colorazione (le altre due vetture con livrea nera sono appartenute a due personaggi altrettanto eccezionali, Sylvester Stallone e Michael Jackson). Nel suo garage c’erano altri bolidi, tra cui una Porsche 911 Type 964 Carrera 2 Convertible Works Turbo Look del 1992 e il grande Scania, il mezzo che veniva usato per recarsi agli allenamenti del Boca Juniors nel 1997.

Circa Redazione

Riprova

La spada nella roccia esiste e si trova in Italia

C’è una storia che tutti noi conosciamo, che abbiamo letto e visto al cinema. È …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com