La Uil attacca Fiat: “Inaccettabile calo produzione, bisogna investire”

“Non possiamo accettare riduzioni della capacità produttiva. Noi crediamo ancora che la Fiat possa restare una casa automobilistica competitiva ma perché ciò accada bisogna crederci e fare gli investimenti necessari”. E’ la critica che la il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti, riserva alla Fiat.

Secondo Angeletti, infatti, è evidente che “siamo in una fase di crisi di mercato”. “Però- dichiara il leader della Uil – malgrado  la crisi in Italia si produce un terzo delle auto comprate e in Europa, primo o poi, la recessione finirà”’.

Più morbida la linea adottata dal segretario generale dell’Ugl Giovanni Centrella : “Dividersi ora tra sindacati o attaccare Fiat non ha alcun senso, dobbiamo invece impegnarci insieme più di prima per superare un oggettivo andamento del mercato recuperando le quote perse”. Secondo Centrella, infatti, “gli errori commessi vanno subito coretti con il massimo spirito di collaborazione tra tutte le parti in causa per tornare competitivi e non dare alibi a Fiat di andarsene dall’Italia”. E sottolinea: “ Se il Paese dovesse perdere Fiat a rimetterci saranno principalmente i lavoratori del Centro-Sud”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com