La terra molisana continua tremare nella notte: paura tra la gente

Lo sciame sismico, non ha avuto sosta durante notte, nell’aerea di Campobasso e zone limitrofe, l’ultima scossa di terremoto è stata registrata nella mattinata, alle 8:20 di magnitudo 2.0, con profondità di 10 Km. La scossa più forte della notte, alle 1:28 di magnitudo 3.2, le altre inferiori a 3. Ad aggravare la situazione di massima allerta, le condizioni metereologiche: forti raffiche di neve, un connubio di circostanze sfavorevoli.

L’evento sismico di maggiore intensità è stato segnalato ieri, alle 19:55 di magnitudo 4.3 della scala di Richter, con epicentro localizzato a circa 6 km dalla città di Campobasso, di profondità di 10 Km. Le scosse avvertite anche nelle zone limitrofe: Baranello, Busso, Mirabello Sannitico, Vinchiaturo, Ferrazzano, Oratino, Colle d’Anchise, Casalciprano, San Giuliano del Sannio, Spinete, Cercepiccola, Castopigliano, Ripalimosani.

Con il forte boato di ieri, la gente si è riversata in strada. Riaffiora un ricordo, quello del 31 ottobre 2002, quando una forte scossa sismica distrusse la scuola elementare a San Giugliano di Puglia, in Campobasso: 28 morti, 27 studenti e la loro maestra.

Le dichiarazioni del governatore del Molise, Paolo Frattura: ‘Stiamo monitorando la situazione costantemente, al momento non abbiamo notizie di danni a persone o cose’.

Sono in corso gli accertamenti delle forze dell’ordine e della Protezione Civile.

 

Emilia Napolitano

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com