La California brucia: 10 morti e 20mila evacuati

Almeno dieci morti, 20mila persone evacuate, 1.500 abitazioni, strutture ed attività commerciali distrutte. E’ il bilancio dei vastissimi incendi, alimentati dalle alte temperature e dai forti venti, che stanno bruciando la California settentrionale. Secondo quanto riferito dalle autorità locali, sette vittime si contano nella contea di Sonoma, due nella Napa Valley e un’altra nel contea di Mendocino, dove sono rimaste ferite anche due persone.

Il governatore della California Jerry Brown ha proclamato lo stato d’emergenza a seguito degli incendi che, propagatisi in diverse contee dello stato americano, hanno mandato in fumo 38mila ettari di vegetazione. Uno degli incendi, battezzato ‘Tubbs’, tra Santa Rosa e Calistoga, sta interessando un’area di diecimila ettari.

 Amy Head, portavoce della Cal Fire, l’agenzia anti-incendio della California, ha detto: ‘Abbiamo spesso più incendi che si sviluppano insieme, ma il fatto che la maggior parte di quelli in corso siano iniziati tutti nello stesso periodo di tempo, nella stessa notte, è qualcosa che non ha precedenti’. Odio usare questa espressione,   ha continuato, parlando con il Guardian,   perché è abusata, ma, veramente, questi sono molto distruttivi’.

Secondo un’altra portavoce della Cal Fire, Heather Williams, in 24 ore sono scoppiati 17 grandi incendi, la maggior parte dei quali nel nord della California, e solo due sono stati in minima parte contenuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com