nnnLa bambina del ‘Buondì Motta’ e il geniale spot natalizio – Progetto Italia News nnnnn

La bambina del ‘Buondì Motta’ e il geniale spot natalizio

I creativi di Motta meritano un premio visto lo spot dove un asteroide sterminava un intera famiglia. Di rimando allo spot si scatenò una bufera mediatica che attirò l’attenzione sul prodotto. Parlate pure male di me, ma parlatene, sosteneva  Oscar Wilde.
Protagonista la bambina ‘famosa e odiata’  che  distrugge il buonismo che circonda le pubblicità tipiche del periodo natalizio:  ‘Vorrei un videoclip pieno di sentimenti autentici che possa coniugare sano buonismo natalizio con la capacità di riabilitare tutti gli eterni esclusi’

La vera  star è comunque  il candito, perché il Panettone Motta,  mantenendosi fedele alla ricetta della tradizione meneghina,  ha deciso di attivare una campagna di sensibilizzazione a difesa dei canditi, oggetto ogni Natale di una sistematica opera di emarginazione a bordo piatto.

Grazie a un video divertente e ad un ritornello che è già diventato virale #ComeUnCanditoaNatale è anche l’hashtag con cui Panettone Motta ha scelto di chiamare a raccolta sulla propria temporary page di Facebook, attiva solo per il periodo natalizio, tutti coloro che sanno cosa significhi sentirsi esclusiuti ad hoc per il web, che coinvolgeranno direttamente gli utenti e non solo.

Motta   sfrutta il polverone alzato a colpi di Buondì e lo trasforma  in un affondo di canditi contro i ‘buonisti del Natale’ con  la bambina più famosa d’Italia degli ultimi sei mesi, con la sua voce dolce che, per quello che abbiamo visto nei tre spot precedenti, è diventata ormai inquietante.

Il geniale inno di Natale, ideato come gli spot del Buondì dall’agenzia Saatchi & Saatchi, dal titolo, come detto,  ‘Come un Candito a Natale’, dove  il bistrattato candito, scartato da tutti il 24 e il 25 dicembre. Il vocalizzo sul ritornello è una autentica chicca di cui avevamo bisogno.

Alla long form dello spot, quello dell’inno di quasi 3 minuti, segue una pubblicità di 30 secondi più classica. Ed è dedicata proprio ai ‘canditi inclusi’. Perché,  scrive Motta,  ‘li avete abbandonati sui tovaglioli, sui bordi dei piatti…ma questo Natale non riuscirete a scartare i canditi dal Panettone Motta Originale’.
Si può solo dire: ‘Complimenti, Motta!’.
Naomi Sally Santangelo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
nn