L’ addio di Befera

“Sono stati anni intensi e impegnativi, durante i quali abbiamo raggiunto risultati importanti, pur fra tante difficoltà, dovute sicuramente al lungo periodo di grave crisi economica, così come alla delicatezza e complessità del nostro compito, necessario alla collettività, anche quando è ingrato”, questo  l’addio di Befera in una lettera ai dipendenti. “Abbiamo appreso, nei momenti più difficili, che se vogliamo migliorare dobbiamo continuare ad imparare dai nostri errori, per correggerli”.  Al termine della sua lettera Befera ha citato una frase dello scrittore e monaco Trappista Thomas Merton: “Il tempo corre, la vita sfugge tra le mani. Ma può sfuggire come sabbia oppure come seme. Davanti a ciò che dicono queste parole  nessuno, tanto meno io per le responsabilità fin qui ricoperte, può sentirsi tranquillo. Può bastarmi, però, sapere questo: se, come credo di poter sperare, questi anni alla guida dell’Agenzia sono trascorsi come seme, lo devo alle innumerevoli persone con cui ho avuto l’onore e il privilegio di lavorare in questa straordinaria realtà che è ormai divenuta l’Agenzia delle Entrate”.
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com