Juve battuta dalla Spal 2 a 1: festa scudetto rimandata

La Spal rovina la festa scudetto anticipata della Juventus. A Ferrara i campioni d’Italia in carica perdono, nel primo anticipo della 32a giornata di Serie A, la seconda partita in campionato e devono rimandare la festa per l’8° scudetto di fila. I match point a disposizione sono tanti così come le partite da giocare. Potrebbe arrivare domani in caso di pareggio o sconfitta del Napoli al Bentegodi contro il Chievo. Altrimenti bisognerà aspettare la gara con la Fiorentina. Ma è solo questione di tempo perché lo scudetto è già, da tempo, sulle magliette bianconere. Infatti il tecnico juventino vara un maxi turnover in vista della partita di ritorno di Champions League contro l’Ajax. In attacco la coppia è formata da Dybala e Kean, a centrocampo rientra dopo un lungo stop Cuadrado al fianco di Bentancur, del giovane Kastanos e di Cancelo. In difesa spazio all’esordiente Gozzi.

Al 12′ primo acuto bianconero con Cancelo che pennella in area per Kean, anticipo da Cionek in angolo. Poco dopo tentativo di sforbiciata in area di Murgia che non va a buon fine. E’ ancora l’ex Lazio a tentare la conclusione da fuori area, De Sciglio allontana. Ci prova ancora la Spal, Schiattarella al volo da fuori non centra la posta. Tiro a giro di Petagna deviato in angolo al 27′. Due minuti più tardi un tiro da fuori area di Cancelo viene toccato da Kean che infila Viviano, per l’attaccante 19enne si tratta della sesta partita consecutiva in gol.

La reazione dei padroni di casa arriva al 39′ su punizione, il tiro di Murgia termina sopra la traversa. Poco dopo Cuadrado entra in area ma viene fermato al momento del tiro, la sfera arriva a Cancelo murato in angolo. Sull’altro fronte colpo di testa di Floccari fuori misura.

La Spal, a caccia di punti salvezza, comincia la ripresa in attacco a caccia del pari. Ci prova subito Petagna dal limite ma ecco che al 48′ su azione da corner, Bonifazi svetta di testa e beffa Perin sul primo palo riportando il risultato in parità. Insistono i padroni di casa, Murgia di testa ha l’occasione del raddoppio ma Perin blocca sicuro.

Cambio di Allegri, esce Kastanos, dentro Nicolussi. E’ il neo entrato a obbligare al 67′ Viviano a un grande intervento per togliere dall’incrocio una conclusione insidiosa. Fuori anche Kean, entra il 20enne Mavididi. Nella Spal dentro Valdifiori per Schiattarella. Dopo la girandola delle sostituzioni, la Spal passa in vantaggio al 73′: Murgia entra in area e serve dopo un rimpallo fortunato Floccari e l’attaccante di destro supera Perin.

Allegri tenta il tutto per tutto, entra Bernardeschi per Barzagli. Nel finale assedio bianconero, con De Sciglio che di testa ha l’occasione per il 2-2, ma il fortino della Spal regge, dopo 4 minuti di recupero Doveri fischia la fine. E la Juventus deve rimandare la festa scudetto.

Circa redazione

Riprova

Pechino 2022: Brignone argento in slalom gigante, prima Hector

Federica Brignone è la nuova vicecampionessa olimpica di slalom gigante. L’azzurra ha conquistato la medaglia …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com