Ius soli: 70 parlamentari in sciopero della fame. Boldrini: ‘Ci sto pensando’

Cresce la mobilitazione sullo ius soli, il 13 ottobre, insegnanti, studenti, genitori scenderanno in piazza per chiedere l’approvazione della legge mentre oltre 70 parlamentari e artisti come Alessandro Bergonzoni, Andrea Segre, Ascanio Celestini hanno aderito allo sciopero della fame per chiederne l’ok. Ieri Anche il ministro dell’Infrastrutture Graziano Delrio ha aderito allo sciopero e anche la presidente della Camera Laura Boldrini non lo esclude: ‘Io non ho pensato di fare lo sciopero della fame – ha detto a ‘Un giorno da pecora’ – ma ci penso. Non lo ho ancora deciso’.

La società civile, insegnanti, genitori e alunni torneranno a manifestare venerdì 13 ottobre, insieme al movimento #Italianisenzacittadinanza e ai promotori della campagna ‘L’Italia sono anch’io’, per ribadire la necessità del voto immediato della riforma che introduce lo Ius soli temperato e lo Ius culturae.

Piazza Montecitorio a Roma verrà trasformata nella Piazza della Cittadinanza, con laboratori creativi, flash mob, cori e palloncini tricolore. I rappresentanti di Senato e Governo devono dimostrare senso di responsabilità verso i bambini e le bambine che in Italia crescono, votando immediatamente la riforma.

Lo stesso premier Paolo Gentiloni ha recentemente definito quella sulla cittadinanza una riforma di civiltà, impegnandosi ad approvarla entro l’autunno,  affermano i promotori di quello che è stato battezzato ‘Cittadinanza day’. E’ questo, dicono, il momento per votare una legge che sancisce il principio che chi cresce in Italia è italiano.

All’iniziativa ha già aderito la rete degli ‘Insegnanti per la Cittadinanza’, che ha lanciato uno sciopero della fame cominciato il 3 ottobre e ha promosso iniziative nelle scuole in tutta Italia e in altre realtà del mondo della scuola.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com