Istat e Damiano: ‘Senza dati monte ore, stime occupazione fasulle’

 “Siamo alle solite: bastano un po’ di dati positivi dell’Istat per far cantare vittoria al Governo.”,  dichiara Cesare Damiano, dirigente del Partito Democratico, a proposito dei dati sull’occupazione diffusi  dall’Istat. Diminuisce – continua – la disoccupazione giovanile, quella fino a 24 anni, ma si omette di ricordare che nella fascia centrale, dai 25 ai 34 anni, la disoccupazione aumenta. L’Istat continua a non dirci qual è il monte ore degli italiani: se, come risulta dai dati forniti dai sindacati, siamo ben al di sotto delle ore lavorate nel fatidico 2008, l’aumento statistico degli occupati è fasullo. Al posto di un lavoratore che lavora 8 ore, averne due che ne lavorano 4, sarà pure un miglioramento statistico, ma non lo è sotto il profilo qualitativo. Non a caso esplode l’uso del part time imposto dalle aziende. E poi ci si lamenta dei bassi salari: se uno stipendio di divide tra due persone c’è poco da stare allegri. E questi sarebbero risultati. Infine, Di Maio ci dovrebbe spiegare come può aumentare l’occupazione stabile e a tempo pieno se siamo a crescita zero, anche questa certificata dall’Istat, con l’aumento della cassa integrazione e con il calo delle ore lavorate e della produzione industriale. Misteri del Governo del cambiamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com