Istat: consumi alimentari in ribasso, il 36% delle famiglie riduce anche la qualità

Diminuiscono i consumi alimentari per le famiglie italiane. Nel 2011 infatti è diminuita la qualità dei prodotti alimentari acquistati rispetto al 2010. Sono i dati diffusi dall’Istat secondo cui è in aumento la quota di famiglie del Mezzogiorno che acquista generi alimentari presso gli hard-discount (si passa dall’11,2% del 2010 al 13,1% del 2011). “La maggior parte delle famiglie (il 67,5%) effettua la spesa alimentare – si legge nella relazione diffusa dall’Istat- presso il supermercato, che si conferma il luogo di acquisto prevalente, nonostante una lieve flessione. Quasi la metà delle famiglie (il 47,7%) continua ad acquistare il pane al negozio tradizionale, il 9,7% sceglie il mercato per l’acquisto di pesce e il 16,4% per la frutta e la verdura. Tra il 2010 e il 2011 risultano in contrazione, su tutto il territorio nazionale e in particolare nel Centro e nel Mezzogiorno, le spese destinate all’abbigliamento e alle calzature. Crescono, anche per effetto dell’aumento dei prezzi, le quote di spesa – riferisce ancora l’istituto di statistica – destinate all’abitazione (dal 28,4% al 28,9%) e ai trasporti (dal 13,8% al 14,2%). La Lombardia è la regione con la spesa media mensile delle famiglie più elevata (3.033 euro), seguita dal Veneto (2.903 euro). Fanalino di coda, anche nel 2011, è invece la Sicilia che, con una spesa media mensile di 1.637 euro, vede aumentare il divario dalla regione con la spesa più elevata (circa 1.400 euro). Lo riferisce l’Istat.

Circa admin

Riprova

Criptovalute, nuova truffa a Roma Nord

Promettevano grandi e rapidi guadagni investendo in una moneta virtuale chiamata Hu. Ma era tutto un bluff. Le vittime …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com