Istat: 47mila persone senza fissa dimora, 4 su 10 sono italiani

Crisi, recessione, crollo del potere d’acquisto. Un quadro critico quello dell’Italia, soprattutto dal punto di vista economico. Ma a farne le spese sono soprattutto coloro che non hanno una casa che nel nostro Paese sono più di 47 mila.  Tra questi 4 su 10 sono italiani. Nella maggior parte dei casi, infatti, si tratta di stranieri (59,4%), uomini (86,9%), con meno di 45 anni (57,9%, la media è di 42,2 anni), vivono al Nord (58,5%) e nei due terzi dei casi hanno al massimo la licenza di media inferiore e sono stati costretti alla strada per la perdita di un lavoro stabile e per la separazione dal coniuge (33,7%).  Sono i dati diffusi dall’indagine Istat “Le persone senza dimora (2011)”  che è stata realizzata nell’ambito di una ricerca sulla condizione delle persone che vivono in povertà estrema  condotta in seguito a ad una convenzione con il Ministero del Lavoro, la Federazione italiana degli organismi per le persone senza fissa dimora (Fio.Psd) e la Caritas. Nell’indagine sono stati prese in considerazione quelle persone che tra novembre e dicembre 2011, hanno utilizzato almeno un servizio di mensa o accoglienza notturna in 158 comuni in cui è stata condotta lo studio. La maggior concentrazione dei senza tetto si registra

nel Nord-ovest (vi risiede il 38,8% del totale) dove le persone senza dimora corrispondono a circa lo 0,35% della popolazione residente; seguono il Nord-est (19,7%) con lo 0,27%, il Centro (22,8%) con lo 0,20%, le Isole (10,1%, incidenza dello 0,21%) e il Sud (8,7%, 0,10%). Secondo l’indagine Istat, la maggioranza delle persone senza dimora è costituita da stranieri (59,4%) e le cittadinanze più diffuse sono la rumena (l’11,5% del totale delle persone senza dimora), la marocchina (9,1%) e la tunisina (5,7%). Gli stranieri senza dimora sono più giovani degli italiani (il 47,4% ha meno di 34 anni contro l’11,3% degli italiani), hanno un titolo di studio più elevato (ha almeno la licenza media superiore il 40,8% contro il 22,1% degli italiani) e vivono da meno tempo nella condizione di senza dimora (il 17,7% lo è da almeno due anni, contro il 36,3% degli italiani). Più spesso vivono con altre persone (il 30% contro il 21,8%), in particolare con amici (17,4% contro 10,2%); ben il 99,1% è nato in uno stato estero e solo il 20% era senza dimora prima di arrivare in Italia. In media, le persone senza dimora riferiscono di esserlo da circa 2 anni e mezzo. Quasi i due terzi (il 63,9%), prima di diventare senza dimora, viveva nella propria casa, mentre gli altri si suddividono pressoché equamente tra chi è passato per l’ospitalità di amici e/o parenti (15,8%) e chi ha vissuto in istituti, strutture di detenzione o case di cura (13,2%). Il 7,5% dichiara di non aver mai avuto una casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com