Iran: Ue ha “venduto” intesa nucleare per evitare aumento dazi Usa

La Repubblica islamica iraniana ha accusato oggi gli europei di aver sacrificato “i resti” dell’accordo nucleare del 2015 per i loro interessi economici a seguito di un possibile ricatto del presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Parigi, Londra e Berlino “hanno venduto i resti (dell’accordo) per evitare ulteriori dazi di Trump”, ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif. Il capo della diplomazia di Teheran rilancia quanto scritto ieri dal Washington Post, secondo cui “Trump ha segretamente minacciato (le tre capitali) di imporre dazi del 25% sulle auto europee” in caso di mancata attivazione del meccanismo di risoluzione dispute (MRD) sull’accordo nucleare iraniano siglato da Teheran nel 2015 con le grandi potenze mondiali.

La storica intesa, firmata tra la Repubblica islamica e il gruppo 5 + 1 (Cina, Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Russia e Germania), minaccia di essere infranta da quando Trump lo ha denunciato unilateralmente nel 2018 prima di ripristinare sanzioni economiche punitive contro Teheran, che Washington ha continuato a inasprire da allora. In risposta al ritiro americano, Teheran ha avviato da maggio un processo graduale di disimpegno dall’intesa. I tre stati europei hanno annunciato martedì scorso di aver avviato il MRD nel tentativo di costringere Teheran a tornare alla piena applicazione del testo.

Citando fonti europee, il Washington Post ha scritto che una di loro ha descritto la “minaccia segreta” recentemente indirizzata dal governo di Trump agli europei come “ricatto”. “Non funzionerà, amici miei”, ha detto Zarif agli europei sull’MRD: “Risveglierà solo l’appetito” di Trump. “Se vuoi vendere la tua integrità, provaci. Ma NON aderire a grandi principi morali o legali”, ha aggiunto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com