Interno 14 next a Shanghai per la residenza artistica Art-72Rooms, evento off durante Shanghai Contemporary Art Fair, novembre 2018, Shanghai

Shanghai Contemporary Art Fair

 

 

Interno 14 next a Shanghai

 

per la residenza artistica internazionale

 

Art-72Rooms

 

Arianna Bonamore, Raffaella Calcagnini, Alessandra Di Francesco, Anahi Angela Mariotti, Massimo Orsi, Daniela Perego, Francesco Petrone, Jack Sal, Silvia Stucky, Antonio Virzi

 

A cura di Roberta Melasecca

 

Interno 14 next vola a Shanghai per Art-72rooms, un hotel/residenza artistica internazionale inaugurato dal 7 al 12 novembre 2018 in occasione di Shanghai Contemporary Art Fair.

 

Gli allestimenti delle opere di Arianna Bonamore, Raffaella Calcagnini, Alessandra Di Francesco, Anahi Angela Mariotti, Massimo Orsi, Daniela Perego, Francesco Petrone, Jack Sal, Silvia Stucky, Antonio Virzi, sono a cura di Roberta Melasecca.

 

Art-72Rooms è un progetto a cura di Weicheng Zhong, che opera in Asia con i suoi tre studi di progettazione, e Davide Crippa, docente del Politecnico di Milano e ideatore del Design Hostel con lo studio Ghigos ideas e il fablab IDEAS – Bit Factory. Un hotel nelle cui stanze vivono, lavorano, espongono e si espongono nella loro quotidianità artisti internazionali di diversi settori, un’ibridazione di luoghi, saperi, tecniche, moduli e funzionalità spaziali per avvicinare l’artista nella sua totalità al fruitore: Art-72Rooms si ispira ad un modello tutto italiano, “Design Hostel – A letto con il Design”, l’ostello “pop-up” per designer nato due anni fa all’interno di un makerspace in zona Bovisa durante il Fuorisalone.

 

Ad animare le stanze del visionario progetto durante la fiera: le sculture-gioiello ispirate alla natura di Anahi Angela Mariotti; i dipinti che connettono atmosfere antiche e concetti moderni di Alessandra Di Francesco; i disegni che coniugano le grandi discipline umanistiche e le tecniche visuali di Antonio Virzi; le illustrazioni dagli intensi colori mescolati in viaggi onirici di Arianna Bonamore; i dialoghi tra tempo reale e percepito nelle installazioni immaginifiche di Daniela Perego; le ironiche e sarcastiche opere scultoree che raccontano la cultura popolare di Francesco Petrone; le installazioni che incorporano gli elementi architettonici del sito espositivo, influenzandone il significato, di Jack Sal; i pattern che intrecciano classico e ultramoderno di Massimo Orsi; i tuffi in cielo tra i racconti “celesti” dipinti dalla mano di Raffaella Calcagnini; l’indagine multi-disciplinare sull’acqua e la sua sordità nella mutevolezza di Silvia Stucky.

 

Presenti anche i progetti di Mirco Facchinelli (Ghigos), Paolo Pasteris (IDEAS Bit Factory), Gustavo Giovannoni. Tra le opere di artisti stranieri, spiccano invece le installazioni interattive ispirate dall’onnipresenza della “super-app” cinese WeChat e articolate lungo fili di seta di Willimann/Arai.

 

Il concept di Art-72Rooms, che vede trasformare completamente un hotel a Shanghai, un ex tempio buddista, affonda le radici in due elementi iconici e simbolici della cultura di Shanghai: lo Shikumen e il numero 72. Il quartiere Xintiandi, dove sorge l’hotel, è noto per l’elevata densità di edifici (diverse migliaia, circa il 60% delle abitazioni in città) in stile Shikumen, ovvero la massima espressione di fusione tra lo stile architettonico occidentale e quello cinese. Il tema della commistione e della convivenza di numerose sfumature è ripreso dal numero 72, che richiama una celebre commedia cinese degli anni ’30, ambientata proprio a Xintiandi, dal titolo “The 72 Tenant Families”. L’opera metteva in scena con toni scherzosi e a tratti satirici le vite profondamente differenti di famiglie cinesi di diverse estrazioni socio-culturali. Inoltre, nella cultura cinese il numero 72 è utilizzato per indicare la varietà degli elementi in natura e il costante avvicendamento di Yin e Yang. Ispirandosi alla simbologia di Shikumen e del numero 72, le stanze dell’hotel rinnovato diventano uno spazio espositivo variopinto, inclusivo, partecipativo e interattivo.

Durante il Fuorisalone 2019, Art-72rooms, il nuovo concept di ospitalità creativa, si trasferirà a a Milano, nel luogo in cui tutto è nato, per tutta la durata della Milan Design Week: gli artisti più talentuosi che hanno lavorato all’interno di Art-72Rooms esporranno le loro creazioni all’interno del Design Hostel a Bovisa.

 

/
Foto @Pietro Ansaldi – Copyright Art-72rooms
GUARDA IL VIDEO DI PRESENTAZIONE
Interno 14 next
Roberta Melasecca
info@interno14next.it

Circa Redazione

Riprova

Off/Off Theatre di Roma stagione 2021/2022

L’OFF/OFF Theatre di Via Giulia, guidato dal direttore artistico Silvano Spada, aprirà venerdì 1° ottobre con oltre cinquanta spettacoli di Prosa nella stagione 2021-2022, che comprendono prime …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com