Internet, Fico: “Ricercare consenso non può tradursi unicamente in ansia propagandistica”

“La Rete ha una potenzialita’ straordinaria. E per questo e’ un mezzo che deve essere impiegato con grande responsabilita’. Perche’ ricercare il consenso non puo’ tradursi unicamente in un’ansia propagandistica che puo’ disinformare e confondere. Anzi, svilisce proprio lo strumento del social che invece puo’ essere molto valido per la diffusione di informazioni, opinioni, progetti”. Lo ha detto il presidente della Camera Roberto Fico, nel suo intervento al convegno “La comunicazione al tempo dei social – #SocialCom19”, organizzato a Montecitorio da SocialCom.

“Trasformare ogni commento in slogan vuoti, assecondare la sola logica di accumulo di like, mettere in secondo piano cio’ che e’ vero rispetto a cio’ che e’ utile – ha proseguito la terza carica dello Stato – sono atteggiamenti che porteranno alla perdita totale di credibilita’ di chi li compie. E’ una questione di tempo. Seguendo questo tracciato non sara’ solamente il singolo politico a perdere credibilita’. Sara’ tutta la politica. E a seguire le istituzioni. E se la politica perde forza, autorevolezza e credibilita’ sara’ sempre meno capace di ascoltare e dare risposte. E cosi’ risolvere i problemi. Per questo – ha spiegato il presidente dell’Assemblea di Montecitorio – spesso ripeto che oggi piu’ che mai e’ necessario anteporre alla parola comunicazione la parola etica. Significa porre maggiore attenzione al linguaggio che usiamo: il linguaggio nelle piazze fisiche, il linguaggio nelle piazze virtuali, il linguaggio in Parlamento. E’ una questione di rispetto nei confronti dell’altro, base del vivere civile. Una questione che si amplifica – ha concluso Fico – nel caso della politica e di chi ricopre incarichi pubblici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com