“insieme per il Dormitorio”: lunedì 3’ appuntamento

Street Food con stellati, eccellenti & C a Brusciano per dare un tetto a chi non lo ha
Brusciano. Ernesto IaccarinoFrancesco Sposito, Luigi Salomone, Nunzio SpagnuoloValerio Giuseppe Mandile, Michele Sammarco: sono soltanto una parte degli eccellenti “addetti ai lavori” che hanno assicurato la propria opera e il proprio impegno a “Insieme per il Dormitorio”, evento solidale e popolare in programma il 24 gennaio a Brusciano, dalle ore 20,30, ideato per garantire un tetto a chi lo ha perduto e a chi non lo ha mai posseduto.
Ci saranno pure: Mimmo De Gregorio, Paolo Iovieno, Valentino Buonincontri, Vincenzo Toppi, Vincenzo Ferro, Stefano Parrella, Antonio Battipaglia, Fabiana Scarica, Giacomo Buonanno, Angelo Mattia Tramontano, Fabio Vorraro, Vincenzo Faiella, Alex Pochynok, Vincenzo Scognamiglio, Salvatore Gabbiano, Felice Foglia, Emanuela Giannicola e tanti altri per la terza edizione dell’appuntamenti benefico. Si terrà, come ormai di consuetudine, nello spazio antistante la Parrocchia di San Sebastiano Martire, appositamente attrezzato, coperto e riscaldato, su una superficie di 1200 mq.
In campo, 48 attività eno-gastronomiche: ristoranti, pasticcerie, enoteche della Campania, rappresentate dai propri chef – tra i quali alcuni stellati e d’eccellenza – maestri pasticcieri e panificatori.
Già dalla prima edizione, ad organizzare è la Comunità Interparrocchiale di Brusciano, guidata dal parroco Don Salvatore Purcaro, unitamente al maestro pasticciere Gennaro Langellotti
vincitore di numerosi concorsi e premi di settore, e dall’altrettanti noto chef patissier Tommaso Foglia. È sostenuta dal Comune di Brusciano e inoltre dall’Associazione Volontari Capitano Ultimo Onlus.
La serata prevede una parte musicale curata da Felice Romano.
Scopo unico è quello di garantire un riparo dignitoso ai tanti senzatetto.
I dati Istat più recenti ne indicano più di 50 mila in Italia: record numerico nell’ultimo decennio, che si prevede in ascesa a causa dei sempre più frequenti casi di povertà anche “immediata” ovvero di coloro che si trovano a dover fare i conti con un repentino tracollo economivo.
La Comunità Interparrocchiale di Brusciano si è quindi organizzata per agire in maniera concreta sul territorio, individuando già da circa tre anni la necessità di un progetto solidale dedicato alla Casa di Sant’Antonio. Nella scorsa estate, sono iniziati i primi lavori, mirati a creare all’interno della struttura esistente una ventina circa di posti letto e una mensa che possa accogliere fino a 60 delle tante persone che vivono o gravitano attualmente in zona che, non avendo riparo, cercano di rifugiarsi all’interno delle chiese del circondario, o soltanto di ripararsi alla meno peggio sul sagrato, per sottrarsi per quanto possibile alle intemperie.
Pure se non potrà accogliere tutti i bisognosi di dimora, garantirà temporaneamente, in attesa di sistemazione definitiva, un tetto ad una parte di essi.
Teresa Lucianelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com