Inizia la vera fase 2, ma c’è ancora qualcosa che non si può fare. Ecco cosa

Inizia da oggi,   18 maggio,  la vera fase 2 dell’emergenza coronavirus in Italia. Cadono i vincoli per quanto riguarda gli spostamenti regionali, riaprono negozi, bar, pub e ristoranti. Ma ci sono ancora dei limiti. Pochi ma ci sono. Ecco cosa ancora non si può fare dal 18 maggio.

 La fase 2 entra nel vivo e l’Italia decide di mettersi alla prova iniziando a tutti gli effetti la fase della convivenza con il coronavirus. Di fatto i limiti sono pochi, ma è sempre bene tenerli a mente. Spostamenti tra le Regioni Dal 18 maggio, almeno fino al prossimo 2 giugno, non sarà possibile spostarsi tra le Regioni se non con l’autocertificazione e per motivi di necessità, lavoro o salute. Le restrizioni dovrebbero cadere il prossimo 3 giugno, salvo cambiamenti al programma.

Nonostante dal 18 maggio cadano i vincoli per gli spostamenti nella Regione e riprenda la vita sociale, resta il divieto di assembramenti in luoghi pubblici o aperti al pubblico, dove si dovranno osservare le norme per il contenimento del coronavirus. Distanza di sicurezza in primis.

 Un altro fattore da tenere a mente è che il programma delle riaperture non è lo stesso per tutta l’Italia. O meglio, il programma è lo stesso ma le Regioni sono libere di intervenire anticipando o posticipando le aperture. La Regione Campania ad esempio ha optato per la seconda ipotesi (Coronavirus, la fase 2 Regione per Regione). Per maggiori informazioni il consiglio è quello di consultare il sito ufficiale della Regione di appartenenza per leggere l’ordinanza in vigore e conoscere le differenze rispetto al piano nazionale.

Circa Redazione

Riprova

Dentro le bolle trasparenti per vivere il sogno di mezza estate

Puoi vivere una favola quest’estate, in Italia o in Europa, prenotando su Airbnb una bubble …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com