Inflazione mai così alta da 36 anni: con queste 15 dritte tagliate subito le spese

Era dal gennaio 1986 che l’aumento dei prezzi non raggiungeva livelli simili. Preoccupanti, a dirla tutta. A giugno l’inflazione ha di nuovo premuto sull’acceleratore, salendo a un livello che non si registrava appunto da ben 36 anni: oggi si attesta al +8,0%, allora fu pari a +8,2%.

Nonostante gli interventi messi in campo dal Governo, come l’ultimo decreto bollette, le tensioni inflazionistiche continuano a incidere sui prezzi dell’energia e su gli altri prodotti, sia nel comparto beni che servizi. Come precisa l’Istat nel suo ultimo report, i prezzi al consumo al netto degli energetici e degli alimentari freschi – la cosiddetta componente di fondo è al +3,8% e al netto dei soli beni energetici al +4,2% – registrano aumenti che non si vedevano rispettivamente da agosto 1996 e da giugno 1996.

Allo stesso tempo, l’accelerazione dei prezzi degli alimentari, lavorati e non, spingono ancora più in alto la crescita di quelli del carrello della spesa: +8,3%, mai così alta da gennaio 1986, quando fu +8,6.

Cosa sta aumentando di più

L’ulteriore accelerazione della crescita su base tendenziale dell’indice generale dei prezzi al consumo si deve prevalentemente da una parte ai prezzi dell’energia, la cui crescita passa da +42,6% di maggio a +48,7%, e in particolare degli energetici non regolamentati, passati da +32,9% a +39,9% (i prezzi dei beni energetici regolamentati continuano a registrare una crescita molto elevata ma stabile a +64,3%).

Dall’altra parte, è dovuta a quelli dei beni alimentari, sia lavorati (da +6,6% a +8,2%) sia non lavorati (da +7,9% a +9,6%), dei servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (da +4,4% a +5,0%) e dei trasporti (da +6% a +7,2%).

Su base annua accelerano poi sia i prezzi dei beni (da +9,7% a +11,4%) sia quelli dei servizi (da +3,1% a +3,4%). Si amplia, quindi, il differenziale inflazionistico negativo tra questi ultimi e i prezzi dei beni (da -6,6% di maggio a -8%). Accelerano anche i prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona (da +6,7% a +8,3%) e quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto (da +6,7% a +8,4%).

Le imprese della distribuzione moderna non stanno ancora trasferendo sui prezzi di vendita tra i 2 e i 3 punti percentuali d’inflazione che hanno già riconosciuto nella fase di acquisto, ma il carrello della spesa è comunque già significativamente aumentato.

Cosa aspettarci per i prossimi mesi

Questo trend negativo continuerà anche nei prossimi mesi, accompagnato dalla crescita di un clima d’incertezza. “I dati Istat confermano che il clima di fiducia delle famiglie è sceso a giugno, registrando un’ulteriore diminuzione dell’indice da 102,7 a 98,3, il livello più basso da novembre 2020” spiega Carlo Alberto Buttarelli, Direttore Ufficio Studi e Relazioni con la Filiera di Federdistribuzione.

Una situazione fotografata anche da una rilevazione condotta con Ipsos sul sentiment dei consumatori, che certifica la crescente preoccupazione degli italiani per la propria situazione economica: il 76% degli italiani si ritiene molto preoccupato dall’incremento dell’inflazione sul proprio bilancio familiare, segnando una crescita del +9% rispetto a ottobre 2021.

9 italiani su 10 – prosegue Buttarelli – prevedono di conseguenza di attuare qualche strategia per ridurne l’impatto sulle proprie finanze, a partire da una riduzione dei consumi. Oltre un terzo degli italiani (32%) non è disposta a pagare di più per l’acquisto di prodotti di qualità, a fronte di un aumento superiore al 5% del loro prezzo. “Un’ulteriore conferma del rischio per la tenuta delle filiere agroalimentari italiane di eccellenza, con un impatto negativo sulla crescita del Paese”.

Come risparmiare davvero

Federdistribuzione ha stilato una serie di utili consigli per provare a risparmiare e contrastare i rincari.

Alimentari

Innanzitutto il cibo. In base a quanto rilevato da Ipsos, 9 italiani su 10 si stanno ingegnando per ridurre al minimo gli effetti del carovita: 39 su 100 hanno deciso di tagliare i consumi per limitare la spesa, mentre 36 su 100 hanno deciso di acquistare soltanto l’indispensabile. Un altro 47% cerca alternative meno costose alle marche che di solito mette nel carrello. Appena l’8% dichiara di aver cambiato il luogo di acquisto.

Ecco qualche consiglio:

  • ridurre i consumi e acquistare solo ciò che serve davvero
  • cambiare i luoghi d’acquisto e preferire i discount
  • scegliere i prodotti alimentari meno firmati e preferire quelli con la marca del supermercato preferito
  • sfruttare dove possibile app e siti web comparativi che ci suggeriscono le offerte migliori, come “Dove conviene” e “Volantino Facile” oppure, per mangiare cose gustose rimaste invendute, ma sempre freschissime, c’è “TooGoodToGo”, l’app contro lo spreco alimentare.

Benzina

Per quanto riguarda le nostre tasche, un’altra stangata arriva dai prezzi di benzina e gasolio. Cosa fare?

  • lasciare l’auto a casa tutte le volte in cui sia possibile e preferire mezzi economici e poco inquinanti, come mezzi pubblici e bicicletta
  • se non ci sono alternative all’auto, al distributore prediligere il self service, più conveniente del servizio offerto dall’operatore anche del 9%
  • evitare di fare rifornimento in autostrada
  • fare attenzione alla manutenzione per ridurre i consumi dell’auto
  • tenere puliti i filtri dell’aria: se sono sporchi “mangiano” più carburante.

Elettrodomestici

Risparmiare sulla bolletta della luce è possibile utilizzando bene gli elettrodomestici che abbiamo in casa:

  • montare lampadine rigorosamente a Led
  • utilizzare di meno il forno, che consuma molta energia (meglio ad esempio evitare i modelli più grossi, di larghezza 90 cm, perché per scaldarli si usa il 150% di energia in più rispetto al modello da 60 cm)
  • far girare lavastoviglie e lavatrice a pieno carico e impostare il lavaggio eco
  • per chi ce l’ha, con queste temperature rovent impostare il climatizzatore a una temperatura non superiore o inferiore a 6 gradi rispetto a quella dell’ambiente esterno

Viaggi

Sui viaggi l’argomento è spinoso. E’ chiaro che sarebbe opportuno ridurre gli spostamenti, soprattutto in aereo, ma sappiamo che è praticamente impossibile. Ci sono però degli accorgimenti che possiamo prendere in considerazione quando organizziamo una vacanza:

  • trovare voli convenienti sfruttando i giorni della settimana migliori: evitare il fine settimana, meglio prenotare l’aereo dal martedì al giovedì, quando si risparmia tra il 3 e il 12%
  • modificare il periodo di vacanza e puntare su un periodo meno gettonato: si arriva a risparmiare almeno il 27%.

Circa Redazione

Riprova

Batosta di agosto, attenzione al “tax month”: cosa si paga e quando

Più che un taxday, si avvicina un vero e proprio taxmonth, con una serie di scadenze fiscali …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com