Inflazione giù a gennaio 2013, volano prezzi alimentari

Nuovo calo a gennaio 2013 per il tasso di inflazione che scende al 2,2% dal 2,3% Si raggiunge così il tasso più basso da gennaio 2011. E’ quanto rende noto l’Istat che comunica anche che su base mensile i prezzi salgono invece dello 0,2%. Nel dettaglio si registra un rialzo annuo dei prezzi dei beni alimentari pari al 3,2%.
In particolare , l’ente di statistica ha reso noto che gli alimentari (incluse le bevande alcoliche) su base mensile rincarano dello 0,8%. A causare il rincaro prezzi, il rialzo dei prodotti non lavorati, che salgono dell’1,7% su base mensile e del 4,9% su base annua (in accelerazione dal 3,5% di dicembre). Anche i prezzi dei prodotti lavorati crescono in termini congiunturali, pure se in misura più contenuta (+0,2%), e mostrano un tasso di incremento annuo stazionario al 2,0%. Nel dettaglio, i vegetali freschi in un solo mese aumentano del 9,5%, che diventa +13,4% su base annua (in forte accelerazione dal 5,9% di dicembre). I prezzi della frutta fresca salgono dello 0,6% rispetto al mese precedente e dell’8,5% a confronto con gennaio 2012 (dal 6,6% di dicembre). In aumento risultano anche i vini (+0,4%, +3,7% tendenziale).

A gennaio il prezzo della benzina sale dello 0,1% rispetto a dicembre mentre subisce una forte frenata su base annua, crescendo solo del 3,1% (dall’8,0% di dicembre). Lo rileva l’Istat nelle stime, aggiungendo che si tratta del tasso di crescita tendenziale più basso dall’ottobre del 2009.
Il prezzo del gasolio per mezzi di trasporto diminuisce su base mensile dello 0,4% mentre il rialzo annuo si ferma all’1,9%, in marcato rallentamento a confronto con dicembre (7,1%), toccando il livello più basso da dicembre 2009.

Nel mese di gennaio i prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza dai consumatori su base annua rincarano del 2,7%, un tasso di crescita che si mantiene superiore al tasso d’inflazione tendenziale (2,2%), ma che risulta in decisa frenata rispetto a dicembre (3,1%). Lo rileva l’Istat. Si tratta del tasso di crescita più basso dal gennaio 2011.

Anche smartphone nel paniere inflazione. Novità nel paniere Istat per l’inflazione. Nel 2013 ne entrano a far parte anche il gas metano per autotrazione e le bevande energetiche e si arricchiscono le posizioni di smartphone e tablet pc, che ora comprendono i phablet (tra smartphone e mini tablet) e i tablet trasformabili, utilizzabili come notebook. Escono la mediazione civile e i netbook.
Fuori anche la voce diario-agenda, che rappresenta sia l’agenda professionale sia il diario scolastico, che per lungo tempo hanno accompagnato le giornate degli italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com