India. Violenze all’interno della fabbrica Maruti: 100 operai arrestati

Un centinaio di operari appartenenti alla fabbrica della Suzuki vicino al New Delhi, sono stati arrestati dopo l’uccisione di un manager. L’assassinio del dirigente, è avvenuto durante violente proteste, insieme al ferimento di altre 50 persone, tra cui 2 tecnici giapponesi. La notizia viene data dai media indiani. Lo stabilimento, che sorge nel distretto industriale di Manesar (Stato dell’Haryana), è stato chiuso e la produzione sospesa. Circa mille poliziotti sono stati dispiegati nell’area per riportare la calma dopo gli atti vandalici culminati nell’incendio di alcuni uffici. Il corpo carbonizzato trovato all’interno della fabbrica è stato identificato. Si tratta del direttore generale Awanish Kumar Dev. Da quanto si è appreso, la protesta è nata dal licenziamento di un operaio dopo un diverbio con i superiori. Lo scorso anno la Maruti Suzuki era stata già chiusa per una serie di violenti scioperi a oltranza terminati soltanto dopo l’intervento del governo.

Circa admin

Riprova

Covid: Brasile, da lunedì chiuse frontiere a 6 Paesi africani

Il governo brasiliano ha annunciato che “chiuderà le frontiere aeree” da lunedì 29 novembre a …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com