Incendio al San Camillo, a Roma, è morto un paziente

Si tratta di un uomo moldavo di 64 anni, è stato trovato carbonizzato nel letto, era ricoverato all’ospedale San Camillo di Roma. Secondo le prime fonti, l’uomo ricoverato nel reparto di Medicina del padiglione Maroncelli, aveva un piede amputato e, l’allarme è stato dato dal compagno di stanza. Quest’ultimo ha dichiarato di aver visto “il fuoco provenire dal lenzuolo, dalla parte bassa del letto, verso i piedi”.

“Secondo i primi accertamenti nella stanza da dove si è sviluppato l’incendio non erano presenti apparecchiature medicali, ne altri materiali. Il letto si trovava il malato, era di tipo manuale, e come di norma con materasso ignifugo” rende noto in un comunicato la Direzione dell’Ospedale San Camillo.

“Il padiglione – aggiunge la direzione sanitaria dell’ospedale – come attestato dalla certificazione antincendio, era provvisto di sistemi di protezione antincendio, estintori, impianto di rilevazione dumi, compartimentazione anti fuoco, che hanno impedito di prorogarsi del fumo e delle fiamme. Il padiglione è munito di impianti elettrici certificati.

Proseguono le indagini dei carabinieri del Nas e del direttore generale di Agenas (l’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali) Francesco Bevere, su disposizione del Ministro della salute Beatrice Lorenzi.

Emilia Napolitano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com