In pensione prima dei 65 anni: meno 50 euro a fine mese

Dal prossimo anno il pre pensionamento costerà caro. Per i lavoratori che opteranno per tale soluzione, infatti, l’assegno previdenziale sarà più leggero, almeno in termini di cifre.  Pensioni più ‘leggere’ dal prossimo anno per chi lascerà il lavoro prima dei 65 anni. Secondo i calcoli effettuati sulla base coefficienti fissati dal Ministero del Lavoro , chi  deciderà per il riposo  prima del termine previsto, avrà un assegno decurtato di circa 50 euro al mese.

Per la prima volta i coefficienti terranno conto di un’età di pensionamento successiva appunto ai 65 anni, quindi un confronto con gli anni precedenti non è  possibile ma le nuove percentuali dai 66 anni in poi sono più  alte di quelle precedenti (che erano relative a 65 anni), il che significa che ad esempio chi andrà in pensione a 70 anni, considerando sempre lo stesso montante contributivo complessivo pari a 400 mila euro, percepirà un assegno di 2.012 euro. Anche prendendo in considerazione un montante contributivo inferiore e cioè   pari a 300 mila euro, il taglio sarà mediamente di 50 euro: chi andrà in pensione a 65 anni percepirà 1.254 euro mentre coi coefficienti ancora in vigore oggi, avrebbe 1.297 euro al mese.

Sempre considerando i nuovi coefficienti, e fermo restando come esempio un montante contributivo complessivo pari a 400 mila euro, chi andrà in pensione a 57 anni percepirà un assegno di 1.324 euro ( prima gli sarebbero spettati 1.360 euro); andando a riposo a 58 anni si avranno 1.358 euro (contro i precedenti 1.397 euro); chi si fermerà a 59 anni avrà 1.395 (prima erano 1.433 euro), a 60 anni 1.434 euro (prima erano 1.477 euro); a 61 anni 1.475 euro (prima erano 1.520 euro) e a 62 anni percepirà un assegno mensile di 1.509 euro, mentre prima gli sarebbero spettati 1.566 euro.

E così, chi andrà a riposo a 63 anni percepirà 1.567 euro (prima 1.618 euro); a 64 anni 1.618 (contro i precedenti 1.670 euro). A 65 anni, la pensione ammonterà a 1.672 euro (contro i ‘precedenti’ 1.729 euro). Il trattamento lievita con l’aumentare dell’età: sarà pari a 1.792 euro per chi avrà 67 anni, a 1.860 anni per chi avrà 68 anni e a 1.933 per chi avrà 69 anni. Questo perché con il nuovo sistema di calcolo, viene considerata l’età del lavoratore nel momento in cui va in pensione ma anche l’evoluzione della vita media: dal 1 gennaio appunto scatterà un aumento di tre mesi dell’aspettativa di vita.

Per i prossimi tre anni e cioè dal 2013 al 2015 saranno validi questi che quelli attualmente in vigore erano stati introdotti nel 2010, i prossimi riguarderanno il 2016-2019 mentre successivamente, quando l’età pensionabile sarà per tutti a 67 anni, la cadenza del ricalcolo sarà biennale. I coefficienti terranno conto di un’età  di pensionamento succcessiva ai 65 anni, arrivando fino a 70 anni.

Questi coefficienti determinano la percentuale del montante da corrispondere come pensione annua in tutti i casi di calcolo contributivo: i contributi versati vengono accumulati anno per anno e rivalutati ad un tasso dato dalla variazione media quinquennale del Pil nominale (che comprende quindi sia la crescita sia l’andamento dei prezzi).
Questo capitale viene poi trasformato in una rendita pensionistica attraverso i coefficienti, rivisti ogni tre anni (e in seguito ogni due) in base agli andamenti demografici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com