In Crimea i produttori di vino sono favorevoli all’annessione con la Russia

L’annessione alla Russia fa sperare bene i produttori di vino della Crimea. Sulla penisola, nell’area sud, dove si trova Sebastopoli, vi è una tradizione vitivinicola antica e l’agricoltura costituisce il 10% del prodotto regionale. E’ celebre la località di Massandra, territorio che dà il nome al vino più famoso del Paese, da dessert e chiamato il vino degli Zar.  Ci sono anche personaggi famosi che hanno investito sul territorio, come Gerard Depardieu. Fino ad ora i vini hanno soddisfatto la domanda interna del mercato ucraino e buona parte sono astati assorbiti dalla Russia. Un piccolo produttore dell’areale a sud est di Sebastopoli, Pavlo Svets di Uppa Winery, ha dichiarato a Winesearcher che le possibilità di un aumento di affari con l’ingresso nello scenario russo sono una certezza, segnato da una crescita dei consumi a ritmo accelerato, dove non esistono le licenze esose che gravano invece sui produttori in Ucraina e dove si sostiene il piccolo agricoltore con incentivi. Svets, che ha un passato da sommelier, produce 30mila bottiglie, metà delle quali fino ad ora le ha esportate in Russia.  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com