Il San Carlo arriva nelle case

“La nostra attività di Spettacolo dal vivo è collettiva, fatta con l’uomo e per l’uomo”.

È questo uno dei principi base sui quali si fonda uno dei teatri più importanti d’Europa, oltre che d’Italia: il “San Carlo”, tempio dell’arte e della cultura, dal 1737, dalla fama secolare.

È infatti tra i più antichi teatri d’opera al chiuso del Vecchio Continente, famoso in tutto il Mondo, ancora attivi. Ha costituito per lungo tempo un modello per i successivi teatri europei, e simbolo di una Napoli che sfoggiava a giusta ragione il suo status in linea con le sontuose regge borboniche, di grande e indimenticata capitale.

Conta un’ampia platea, cinque ordini di palchi disposti a ferro di cavallo e un ampio palco reale, un loggione ed un palcoscenico. Ha una capienza di 1386 spettatori.

Oggi penalizzato come tutti i teatri del Pianeta per l’emergenza Covid 19, lo storico teatro partenopeo rimane però virtualmente aperto al pubblico e così continua la sua opera basilare di diffusione della musica, del canto, della danza sempre a livelli altissimi, e lo fa intrattenendo con stile un numero ben maggiore di spettatori in tutto il pianeta e regalando loro attimi di grande preziosità, all’insegna di un ricercato coinvolgimento, fruibile soprattutto da un pubblico raffinato d’intenditori, non disdegnando chi si voglia approcciare da novizio alla lirica e al balletto classico.

Gli spettacoli, compresi in questo calendario virtuale, sono rigorosamente all’insegna della qualità e sono riuniti in un tutt’uno assumendo un valore aggiuntivo di grande valenza soprattutto in questo periodo d’emergenza, particolarmente difficile.

“Siamo aperti virtualmente solo in maniera temporanea, ma torneremo presto perchè fino a quando il San Carlo suonerà dentro e fuori le proprie mura ci sarà speranza per Napoli e per il Mondo” afferma la sovrintendente Rosanna Purchia. Con passione e malcelato ma giustificato orgoglio, evidenzia la notevole valenza dell’hashtag #stageathome e dell’iniziativa congiunta del Teatro di San Carlo, con cui l’antico teatro partenopeo, sta portando il palcoscenico nelle case.

Notevole il successo di critica e di pubblico, dell’iniziativa che pone nuovamente la città al centro di un diffuso interesse com’era tra l’altro prevedibile.

“Il Teatro di San Carlo, in questi tempi difficili sente ancora di più la necessità di rafforzare la propria mission civile regalando, per quanto possibile, un attimo di spensieratezza, bellezza, arte, risvegliando in ciascuno, grazie a quei valori che costituiscono l’identità del nostro Paese, quel forte senso di comunità necessario a superare questo momento di difficoltà” – sottolinea la sovrintendente.

Con #stageathome chiunque può partecipare a un entusiasmante tour virtuale del celebre lirico napoletano, tra i top d’Europa, attraverso i canali social del Teatro, quali Facebook, Twitter e Instagram. E lo può fare rimanendo comodamente seduto sulla poltrona, ovvero in salotto, a casa dove ci troviamo praticamente tutti o quasi attualmente, responsabilmente in attesa che passi l’emergenza coronavirus.

È pure possibile leggere molteplici approfondimenti storici, rivedere, attraverso i link condivisi, gli spettacoli andati in scena nelle ultime Stagioni, che sono tra l’altro pure disponibili su piattaforme di libera condivisione quali Youtube, Rai Play, Opera Vision.

Ancora, tra le opzioni c’è l’approfondimento di contenuti speciali:  backstage, interviste, curiosità, info, ecc.

Tutti gli spettacoli iniziano alle ore 20,00.

Ecco il programma delle prossime trasmissioni previste per il mese di Aprile:

01 aprile – OPERA Manon Lescaut – di G. Puccini

04 aprile – OPERA Carmen – di G. Bizet

06 aprile – BALLETTO Pulcinella – di I. Stravinsky

08 aprile – BALLETTO La Dame aux Camélias – di C. Davis

Prosegue nel frattempo, tra le iniziative più interessanti, il progetto “Scuola InCanto”, attivo dal 14 marzo, sul sito di EuropaInCanto e relative pagine Facebook e Twitter.

Appuntamenti di didattica on line, a cadenza giornaliera, per proseguire il percorso di studi su “L’elisir d’amore”, specificamente rivolto a bambini, ragazzi e docenti, attraverso contenuti interattivi.

Teresa Lucianelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com