Il punto sulla serie B

 

Doppiette, triplette, quanti giocatori sugli scudi! Trascinatori dei sogni e delle aspirazioni e delle proprie squadre, la giornata dei solisti si può dire, dei monologhi, dei protagonisti in copertina! Si può dire che Boakye, con la sua doppietta, abbia consolidato il primato del Sassuolo, la doppietta di Vitale ha permesso invece alla Ternana di issarsi ancora più su, Danilevicius e Ardemagni, con le loro triplette, hanno rilanciato rispettivamente Juve Stabia e Modena, Ebagua e Saponara sono stati gli autentici mattatori di Varese-Empoli. Che dire, la giornata dei singoli, di coloro in stato di grazia, di quelli che prima della partita si sono sentiti i muscoli più tonici di altre volte e hanno messo a ferro e fuoco le difese avversarie. Devastanti, semplicemente devastanti. Ed ecco che l’uragano Boakye si è abbattuto sul Grosseto e ha regalato una minifuga del Sassuolo. Sempre più primi e sempre più autorevoli gli uomini di Di Francesco che, indisturbati e sempre più incontrastati, veleggiano in vetta alla classifica e sembra davvero utopistico pensare che a fine anno non siano loro a festeggiare la promozione. Dalle parti neroverdi che facessero gli scongiuri, del resto la beffa della scorsa stagione è ancora fresca dopo aver fatto un campionato praticamente sulla stessa scia di Pescara e Torino, oggi dignitosamente in massima serie. Ma questa squadra sembra davvero avere una marcia in più rispetto alle altre, e le insidie più grandi forse sono da ricercare dentro di sé. Nell’anticipo del venerdì il Verona ha perso la possibilità di avvicinarsi alla vetta venendo beffato nei minuti di recupero all’Euganeo di Padova. Una rete di Raimondi, quasi a tempo scaduto, ha regalato ai patavini un immediato riscatto dopo lo scivolone di Castellammare, e gli uomini di Pea da questa importantissima vittoria devono trarre autostima e consapevolezza di non essere inferiori a nessuno. Eppure le cose per i biancoscudati si erano messe male per il vantaggio di Hallfredsson, poi l’ex Farias ha pareggiato i conti, prima che al fotofinish gli scaligeri venissero giustiziati. Chi ormai continua a ruggire è la Ternana. Nel segno del napoletano Vitale, gli umbri hanno agganciato il Varese e ora come ora sono in corsa per un posto nei play off, chissà che con questo smalto e questa freschezza non ci si possa insediare qui su. Con il Cittadella, dunque, sono serviti i guizzi di Vitale, quando regnava l’equilibrio con Di Roberto che aveva risposto a Nolè, ecco che è salito in cattedra l’esterno sinistro nativo di Castellammare di Stabia e ha rotto gli equilibri. E anche i concittadini di Vitale possono ritornare a sorridere. Feroce questa Juve Stabia contro la Pro Vercelli, praticamente non c’è stata partita al Garilli, con le vespe avanti di tre gol già dopo mezzora di gioco. Danilevicius ha demolito la squadra di Braghin, insieme ad Erpen che ha completato il poker, la rete di Fabiano è stata solo consolatoria ma non è riuscita a mitigare il colpo. Secondo successo consecutivo per la squadra di Braglia che sembra aver ritrovato se stessa, il proprio gioco e la propria identità, e se il bomber lituano è sempre così ispirato, allora se ne vedranno delle belle. Dopo un botta e risposta iniziale, con Ebaugua che aveva risposto alla rete iniziale di Saponara, tra Varese ed Empoli la sfida sembrava essersi incanalata nel binario favorevole ai lombardi per il vantaggio firmato ancora dal centravanti di origini nigeriane. Però nel finale, ancora Saponara ha evitato l’ennesimo tonfo per gli uomini di Sarri che, ci hanno messo cuore e orgoglio, e che si affidano al giovane gioiello dell’Under 21. Modena travolgente sul Cesena che non riesce ad avere continuità di risultati. Ardemagni protagonista assoluto del match con la sua tripletta, di Signori l’altra firma del poker completo rifilato alla squadra di Bisoli. Con Caracciolo e Budel, il Brescia ha superato l’ostacolo Lanciano piazzandosi in una posizione piuttosto invitante di classifica, mentre, nonostante la zavorra dei troppi punti di penalizzazione, il Bari non si perde d’animo e, grazie a Bellomo, ha conquistato i tre punti contro il Vicenza. L’Ascoli si è affidato ai suoi uomini di maggiore qualità, come Soncin e Loviso per piegare un Crotone adesso in netta difficoltà, mentre è risorta la Reggina che, dopo tanto tempo, è tornata al successo. Con la rete di Rodrigo Ely, si è avuto ragione di un Novara troppo discontinuo.

Maurizio Longhi 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com