Il pressing della Beneduce su Arpac e Asl Napoli 3 Sud

NAPOLI. Il pressing di Flora Beneduce, consigliere regionale della Campania, per risolvere il problema dell’inquinamento marino in Penisola sorrentina si fa sempre più serrato. Dopo le missive ai sindaci del territorio, alla Capitaneria di Porto e alla Gori, la componente della commissione che si occupa di Ambiente, Energia e Protezione civile scrive al Commissario Arpac, Pietro Vasaturo, affinché si predispongano tutte le misure volte al controllo ed al monitoraggio delle acque marino – costiere lungo tutto il litorale. ‘Nel corso di questi mesi ho intrapreso diverse iniziative per monitorare i lavori del depuratore di Punta Gradelle, seguendo le commissioni di verifica ed effettuando in prima persona sopralluoghi insieme ai tecnici responsabili della realizzazione dell’impianto’, dice il consigliere Beneduce. Nonostante le assicurazioni ricevute, ritengo doveroso chiedere una collaborazione alle istituzioni, agli enti coinvolti e agli operatori turistici. In particolare, mi rivolgo all’Arpac perché effettui già nei prossimi giorni operazioni di monitoraggio e controllo, al fine di evitare eventi disastrosi come quelli verificatisi nell’agosto scorso, che hanno leso l’immagine della Campania e della Penisola Sorrentina, provocando danni economici di ingente rilevanza.         Intanto, la Beneduce, componente dell’Ufficio di Presidenza, ha espresso preoccupazione anche al Dipartimento di Prevenzione dell’Asl Napoli 3 Sud. Il motivo è legato alla consapevolezza che l’entrata in funzione del depuratore risolverà solo una parte del problema. Bisogna agire sulle tante strutture che, elidendo i controlli, scaricano liquami a mare senza immetterli nelle condotte fognarie facendo sforare i parametri di sicurezza dei colibatteri delle nostre acque e provocando danni ingenti in termini di immagini ed economici, scrive la Beneduce. Così come ho chiesto all’Arpac di intervenire per evidenziare, da subito, eventuali alterazioni, allo stesso modo chiedo al Dipartimento di Prevenzione dell’ASL, per quanto di competenza, di intensificare i controlli in tutta la Penisola Sorrentina, mettendo sotto osservazione gli scarichi in rete fognaria di civili abitazioni e di esercizi commerciali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com