Beppe Grillo all?arrivo al teatro Colosseo di Torino dove questa sera terrà lo spettacolo, Torino, 1 marzo 2019 ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

Il piano B di Beppe Grillo: “Luigi Di Maio, Roberto Fico e Virginia Raggi leader”

Entrambi hanno fatto un passo indietro. Beppe Grillo e Giuseppe Conte potrebbero trovare un accordo. Almeno è quello che sperano deputati e senatori del Movimento 5 Stelle che in queste ore assistono alla disfatta. Il fondatore ha deciso di ascoltare i suoi e aprire una possibilità al nuovo statuto firmato dall’ex premier. In particolare tra i loro due statuti. In caso però la trattativa si faccia difficile, il garante a Cinque Stelle ha già nel cassetto un piano B, una strategia chiara qualora – scrive Il Corriere – Conte decida di dar vita a un suo partito. Grillo è così pronto nel caso a rimettere mano alle regole di candidatura per avere la leadership più riconosciuta e con il consenso più netto tra gli attivisti. Ecco allora l’idea di calare un tris d’assi: un M5S guidato – tra gli altri – da Luigi Di Maio, Roberto Fico e Virginia Raggi. I tre – confermano fonti pentastellate – hanno “l’autorevolezza necessaria per imprimere una svolta”. Eppure il trio sembra avere già il suo punto debole: la sindaca di Roma. Sono ben noti i disastri e le gaffe di cui si è macchiata governando la Capitale, figuriamoci un movimento già allo sbando. Al di là di tutto pare che sui tre ci sia parecchio pressione, e da tempo.

Sempre che i sette saggi non riescano prima a trovare un accordo per far desistere l’ex presidente del Consiglio.

“La delusione più grande? Roberto Fico”. Beppe Grillo è arrabbiato non solo con Giuseppe Conte, ma soprattutto con il numero uno di Montecitorio. Fico è stato vero il pupillo di Beppe. “L’erede designato. Ha goduto di una stima illimitata, di gran lunga superiore a quella riservata in questi anni a Luigi di Maio e Alessandro Di Battista. É stato lui il figlio prediletto: il presidente della Camera che viaggiava (solo la prima volta) in autobus. La terza carica dello Stato cresciuto nei meet up, l’esperienza che meglio incarnava il sogno rivoluzionario di Grillo”, scrive il Giornale. “Proprio Roberto è stato il primo a tradire”, ha detto Grillo che non si dà pace.

Tensione altissima tra Grillo e il numero uno di Montecitorio. “Il caos nei Cinque stelle rischia di spazzare via un legame solido. A differenza del ministro degli Esteri, che sta provando a riportare tutti al tavolo, Fico si è schierato con l’avvocato del popolo. Basta leggere le dichiarazioni dei suoi fedelissimi, Gilda Sportiello, Riccardo Ricciardi, Federico D’Incà: tutti pro-Conte. Parole cariche di livore contro il comico genovese. Figli che si scagliano contro il padre. Fuoco amico. Una posizione che manda su tutte le furie Grillo”.

Nel 2013 Grillo non si risparmiava in elogi: “Abbiamo un presidente della commissione di Vigilanza Rai (Fico) che spende un euro in rimborsi, un ragazzo eccezionale”. Da presidente della Camera regala lo show dell’arrivo in Parlamento in autobus. Ma solo la prima volta, per riempire le pagine dei quotidiani. “Di autobus Fico non ne vede più uno dal lontano 2018. Ora gira solo in scorta e auto blu. E non vi rinuncia manco se va allo stadio Olimpico di Roma per assistere alla partita della Nazionale italiana agli europei”, ricorda il Giornale.  Si è imposto come il meno istituzionale tra le truppe grilline: Fico si mostrava spesso in jeans e giacca con barba incolta. “Ora sembra diventato il più democristiano dei Cinque stelle. Scherzi del Palazzo”, conclude il Giornale.

Circa Redazione

Riprova

M5s: Conte sceglie la nuova segreteria

Giuseppe Conte ha scelto i componenti della nuova segreteria del Movimento 5 Stelle. Sarà composta …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com