Il Papa contro idolatri e ipocriti: “Amare Dio e il prossimo”

Idolatria e ipocrisia banditi dalla Chiesa. Il monito è di Papa Francesco, che durante l’omelia della messa celebrata questa mattina in Chiesa a Santa Marta, ha messo in guardia i fedeli da entrambi i vizi, attraverso la  messa in pratica i comandamenti dell’amore a Dio e dell’amore al prossimo. “Il Papa, partendo dalle parole di San Paolo, spiega come certe persone, “pur avendo conosciuto Dio, non lo hanno glorificato né ringraziato come Dio”, preferendo adorare delle “creature anziché il Creatore”. E’ un’idolatria, afferma il Papa, che arriva a “soffocare le verità della fede, nella quale si rivela la giustizia di Dio”: “Ma siccome tutti noi abbiamo bisogno di adorare – perché abbiamo l’impronta di Dio dentro di noi – quando non adoriamo Dio, adoriamo le creature. E questo è il passaggio dalla fede all’idolatria. Essi, gli idolatri, non hanno alcun motivo di scusa: pur avendo conosciuto Dio, non lo hanno glorificato né ringraziato come Dio. E qual è la strada dell’idolatra? La dice chiarissima: ‘Si sono perduti nei loro vani ragionamenti e la loro mente ottusa si è ottenebrata’. L’egoismo del proprio pensiero, il pensiero onnipotente, quello che io penso è vero: io penso la verità, io faccio la verità col mio pensiero…”.
E se le critiche di San Paolo tanto tempo fa facevano riferimento agli idolatri che adoravano rettili, uccelli, quadrupedi, oggi hanno ugualmente motivo di esistere perché, sebbene non ci siano persone che adorano statue,  “ci sono tuttavia tanti idoli e anche tanti idolatri, tanti che si credono sapienti. Ma anche fra noi, fra i cristiani, eh! Io non parlo di loro, io rispetto loro, quelli che non sono cristiani. Ma fra noi – parliamo in famiglia – si credono sapienti, che sappiano tutto… E sono diventati stolti e cambiano la gloria di Dio incorruttibile con una immagine: il proprio io, le mie idee, la mia comodità… Oggi, tutti noi – vado avanti, eh! Non è una cosa solamente storica – anche oggi per la strada ci sono idoli, anche un passo avanti… Tutti noi abbiamo dentro qualche idolo nascosto. Possiamo domandarci davanti a Dio: qual è il mio idolo nascosto? Quello che occupa il posto del Signore!”.

Se San Paolo definisce stolti gli idolatri, nel Vangelo del giorno Gesù fa lo stesso con gli ipocriti, impersonati dal fariseo che si scandalizza perché il maestro non si è lavato come di norma prima di sedersi a tavola. “Voi farisei – replica Gesù – pulite l’esterno del bicchiere e del piatto, ma il vostro interno è pieno di avidità e di cattiveria”. E soggiunge: “Date piuttosto in elemosina quello che c’è dentro, ed ecco, per voi tutto sarà puro”: “Gesù consiglia: non guardare le apparenze, andare proprio alla verità. Il piatto è piatto, ma quello che è più importante è quello che è dentro il piatto: il pasto. Ma se tu sei vanitoso, se tu sei un carrierista, se tu sei un ambizioso, se tu sei una persona che sempre si vanta di se stesso o cui piace vantarsi, perché ti credi perfetto, fa un po’ di elemosina e quello guarirà la tua ipocrisia. Ecco la strada del Signore: è adorare Dio, amare Dio, sopra di tutto e amare il prossimo. E’ tanto semplice, ma tanto difficile! Soltanto questo si può fare con la grazia. Chiediamo la grazia”.

Circa redazione

Riprova

Verona, violenza e minacce: arrestati 7 estremisti di destra

Sono stati arrestati oggi a Verona 7 estremisti di destra tutti tra i 19 e …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com