Il Natale più gustoso e divertente è targato Napoli

Ragù e tombolata napoletana tra le proposte da cartellone delle feste italiane

 

NAPOLI. Natale più tradizionale che mai ed improntato all’insegna del divertimento tipico partenopeo per ‘Rossopomodoro Partenope’ che ha presentato le sue proposte per questi giorni di festa a giornalisti, blogger, amici e clienti affezionati.

Invitanti e stuzzicanti i piatti della cucina tipica e le pizze dall’impasto studiato ed in continua evoluzione verso una sempre maggiore digeribilità, adatto anche ai bambini più sensibili,   come spiega Clelia Martino, responsabile della Comunicazione per il gruppo ‘Rossopomodoro’, presieduto da Franco Manna.

Ricco il cartellone delle feste, studiato all’insegna di un armonioso cocktail di cultura, usanze e cibo.

Il Natale  2017 di Casa Rossopomodoro, coordinata dalla manager Clelia Martino e gli executive chef Enzo De Angelis, e Antonio Sorrentino punta essenzialmente su due elementi basilari: la tombola e il ragù.

Grande festa goliardica al Rossopomodoro Lab di via Partenope a Napoli, diretto da Lorenzo Dilillo, con la partecipazione della bi-campionessa mondiale Teresa Iorio  I festeggiamenti sono già partiti il 5 dicembre nel Nord Italia, a Bellinzago, dove il Rossopomodoro diretto da Tina Miraglia ha ospitato la prima manifestazione della ‘Verace Tombola Napoletana’ con l’incorreggibile Enzo Calabrese e la sua tombola alquanto scostumata, simbolo partenopeo per eccellenza delle festività invernali, con la magia dei numeri e con la loro interpretazione personalizzata che  lascia spazio all’inventiva spontanea ed allo stesso tempo studiata alla luce di un bagaglio in ambito cabarettistico non indifferente e, dunque, tanta esperienza  Dopo Bellinzago, è stata la volta di Rossopomodoro Ischia nella accogliente serra di via Vittoria Colonna diretta da Paolo Gargiulo.

Teresa Iorio ed un altro campione del mondo del team di Rossopomodoro, Davide Civitiello, sono stati protagonisti dell’avvio dell’altro ramo del cartellone natalizio al Lab sul lungomare di Napoli: la Scuola di Cucina con la lezione dedicata alla preparazione dei fusilli di Gragnano al ragù napoletano Una sessione di apprendimento e di degustazione di uno dei must della cucina partenopea al tempo delle feste. Impegnato anche lo Chef Massimo Passarelli che da anni collabora in tutti gli eventi di Clelia Martino per Rossopomodoro. Appuntamenti in tutta Italia si sono svolti con successo.

Accanto al cibo tradizionale, pizza, fusilli al ragù, zuppa di verdura adagiata in un piatto di gustoso impasto, fritture croccanti e profumate, ecco un connubio perfetto la star dei giochi napoletani: la ‘Verace Tombola Napoletana’ con ambo, terno, quaterna, cinquina e tombola, arricchite dalle gag del versatile Enzo Calabrese m, un po’ monello nel provocare le risate generali scherzosamente ‘a danno’ dei vincitori di turno che hanno osato dichiarare la formazione numerica fortunata.

Calabrese, parrucca bionda e scialle rossi immancabili, tesse il suo spettacolo come una tela che ingabbia il pubblico presente in un crescendo di risate, rifacendosi alla tradizione della cabala e del significato che ogni numero porta con sé, di rito nel Sud Italia.

Le sue battute non fanno sconti a nessuno, come è nella tradizione napoletana, secondo la quale la tombola è il gioco dei femminielli che accolgono ogni numero estratto con segnali di presagio e perfino con letture oniriche oltre che con riferimenti piccanti e scevri da tabù che caratterizzano spettacoli improntati all’insegna dell’improvvisazione legata ai partecipanti ed al loro humor. Calabrese, parrucca bionda in testa, ripercorre il filone dell’aruspice sboccato pronto a punzecchiare i partecipanti con battute, appunto, irriverenti.

Questo il menù della serata: Cestino di mandarini e spasso napoletano: noci, noccioline, ceci e semi di zucca secchi; Pizza di scarole alla monachina, taralki peoe e mandorle, zeppoline fritte di baccalà come antipasto

Bis di primi: zuppetta di verza, salsiccia, porcini e castagne in ciotola di pane; fusilli freschi di Gagnano con ragù – tra i capisaldi della cucina tradizionale napoletana – e ricotta oppure ‘Pizza a due’ con l’abbinata ‘friarielli e salsiccia’ e margherita ai pomodorini gialli.

Panettone ai limoni sfusati di Amalfi con salsa di cioccolato

Da bere, rosso Aglianico e acqua minerale.

Inoltre, una cartella a testa in cui giocare e vincere i premi messi in palio per terno, quaterna,cinquina e tombola.

Ed a proposito del Ragù Napoletano, Rossopomodoro ne ha diffuso la ricetta, adottata da tutti i ristoranti del gruppo sia in Italia che all’Estero: Rossopomodoro(https://www.facebook.com/rossopomodoroofficial/videos/1602773393099791/) secondo le indicazioni di Enzo De Angelis che spiega ai partecipanti come preparare i fusilli con il ferretto e poi come cuocere il ragù ad arte, facendolo ‘pippiare’, ovvero sobollire lentamente per molte ore per diventare il piatto principe della tavola ed assumere la consistenza compatta che lo contraddistingue, diversificandosi da tutti gli altri sughi a basa di pomodoro.

Tra i presenti al riuscito evento: il presidente Sergio Miccù a rappresentare i vertici del settore pizza; la manager dell’Ospitalità Paola Fiorentino, titolare delle maison de charme Villa Fiorentino e Villa dei Fisici a Positano; tra i colleghi giornalisti: Diego Paura  responsabile del settore Cultura e Spettacoli del quotidiano Roma diretto da Antonio Sasso, in compagnia della moglie Anna Capasso, cantante ed attrice di successo; Vincenzo Pagano, Peppino De Girolamo; i blogger Dora Chiariello e Gennaro D’Aria; Barbara Cufaro di Phooditalia.

Teresa Lucianelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com