Il Milan riammesso nel calcio che conta: giocherà l’Europa League

Il Milan potrà giocare l’Europa League. Il Tribunale di arbitrato dello sport (Tas) di Losanna ha accolto il ricorso del club rossonero contro la decisione dell’Uefa di squalificare il Milan per un anno dalle Coppe europee per il mancato rispetto del fair play finanziario. Il Milan potrà quindi giocare la prossima edizione dell’Europa League, mentre l’Atalanta partirà dai preliminari. Resta fuori, come da classifica di campionato, la Fiorentina.

Fondamentale, nella decisione del Tas, il passaggio di proprietà a Elliott. Il collegio dei tre giudici del Tribunale “ha ritenuto che alcuni elementi rilevanti non fossero stati adeguatamente considerati dall’Adjudicatory Chamber, o che gli stessi non potessero essere adeguatamente considerati al momento dell’emanazione della decisione appellata (il 19 giugno 2018), tra cui, in particolare, l’attuale situazione finanziaria del club, significativamente migliorata in seguito al recente cambio di proprietà dello stesso”. Insomma i fondi nuovi possono dare le giuste garanzie giuste che prima non esistevano.

Il Milan è felice di questa sentenza che cambierà tutta la stagione. Il primo ad esultare è stato capitan Bonucci che su twitter scrive: “Riconquistato ció che avevamo raggiunto sul campo”.

Ora per i rossoneri cambia tutto. Dovranno rivedere i propri piani con una campagna acquisti che dovrà tenere conto delle sfide europee e trattenere i suoi gioielli tentati dalla sirene dei grandi club dell’Europa calcistica che conta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com