Il coniuge che accede al profilo facebook dell’altro coniuge commette un reato e’ quanto stabilito dalla Corte di Cassazione V Sezione

Il coniuge che accede al profilo facebook dell’altro coniuge e ne utilizza i contenuti della chat commette un reato e’ quanto stabilito dalla Corte di Cassazione V Sezione con la sentenza del 22 Gennaio 2019
A nulla rileva che nome utente e password del profilo fossero stati precedentemente forniti dalla stessa donna al marito.
Corte di Cassazione, Sezione V Penale, sentenza del 22 gennaio 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com