Ibrahimovic: “Torno a giocare in Italia”

Zlatan Ibrahimovic ritornerà a giocare in Italia. E’ lo stesso attaccante svedese, uomo copertina della Christmas Issue di GQ Italia in edicola dal 5 dicembre, ad annunciare il suo ritorno nel campionata di calcio italiano. Ma non dice nulla sul club. O meglio lancia diversi indizi che fanno pensare ad un suo clamoroso ritorno al Milan.

“Andrò in una squadra che deve vincere di nuovo, che deve rinnovare la propria storia, che è in cerca di una sfida contro tutti. Solo così riuscirò a trovare gli stimoli necessari per sorprendervi ancora. Come calciatore non si tratta solo di scegliere una squadra, ci sono altri fattori che devono quadrare. Anche negli interessi della mia famiglia. Ci vediamo presto in Italia”, dice Zlatan.

“Ci sono calciatori che giocano a calcio e altri che pensano il calcio. Quando uno pensa inventa un nuovo modo di fare calcio, gli altri seguono e basta. Io amo fare la differenza. Non voglio fare bene solo una o due cose, voglio farle bene tutte”, ha aggiunto Ibra che ha vinto i campionati di Olanda, Italia, Spagna e Francia.

“Sono molto contento di aver fatto questa esperienza a Los Angeles, anche perché dopo l’infortunio molti dicevano che non sarei più stato in grado di giocare, invece ho dimostrato che posso ancora fare la differenza. Ma dopo due anni ho detto basta. Qui a livello tecnico e tattico devono ancora crescere. Per correre, corrono, fisicamente sono delle bestie. Ma non sono abituati a giocare con i piedi, perché in tutti i loro sport tradizionali -baseball, football, basket- usano le mani”, racconta Ibra che nella sua esperienza al LA Galaxy ha segnato 52 gol in 58 partite disputate.

Su cosa pensasse della crescente ondata di razzismo sugli spalti degli stadi, Zlatan ha risposto: “Mettere la maglia ‘No al razzismo’ e sventolare la bandiera ‘No al razzismo’ è bello, ma non risolve il problema. Meglio togliere tre punti, sospendere la partita e perdere l’incasso, così rischi di andare in serie B. Devi essere severo, la gente non capisce fino a quando non paga le conseguenze. Quando ero in Italia mi gridavano ‘Zingaro!’. È razzismo anche quello, è ignoranza, anche se poi quando mi vedono fuori dallo stadio mi fanno i complimenti e vogliono farsi una foto con me”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com