epa06071795 Tesla CEO Elon Musk speaks during a press conference at the Adelaide Oval in Adelaide, South Australia, Australia, 07 July 2017. Tesla will partner with French renewable energy developer Neoen to build the world's biggest Lithium Ion Battery, a 100MW battery that will be built in James Town, the South Australian government announced on the day. EPA/BEN MACMAHON AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT

I ristoranti di Tesla, l’ultima idea di Elon Musk

La Casa di Palo Alto, grazie a Elon Musk e alle sue grandiose idee all’avanguardia, è destinata a diventare un punto di riferimento a livello internazionale, un vero e proprio brand universale con una branca che tocca anche il settore del food.

La cosa è nota da molto tempo, sostenuta anche dal fatto che il fratello del CEO di Tesla è patron di una catena di ristoranti. Più volte Elon Musk ha annunciato che la famosa T che vediamo sulle sue auto elettriche ormai famose in tutto il mondo, simbolo della mobilità a zero emissioni, potrebbe presto apparire anche nel campo della ristorazione. Ma fino a questo momento ancora nulla era certo e concreto.

Il primo sito che è stato individuato come papabile per una scelta di questo tipo è a Santa Monica, proprio nel luogo in cui si trova una grossa stazione di ricarica per vetture elettriche. Ad oggi però, nonostante se ne sia parlato parecchio, non è ancora stato fatto nulla a riguarda. Ma una grande novità in realtà c’è, infatti Tesla ha finalmente presentato domanda all’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti per poter usare il design del logo “T” del brand e altre due iterazioni del simbolo stilizzato “Tesla” anche nell’industria alimentare.

Chiaramente la richiesta è appena stata depositata, quindi per iniziare a vedere qualcosa di concreto ci vorrà sicuramente del tempo, lo ha riferito la stampa di settore in California, pare infatti che i tempi della burocrazia e i vari adempimenti richiesti siano lunghi e duri, ma pian piano potremmo vedere i primi passi del cambiamento.

Hans Röckenwagner, lo chef e CEO di Röckenwagner Bakery Group, ha annunciato in maniera molto schietta e ironica: “Per quanto futuristica e veloce sia la Tesla, si potrebbe dire l’esatto contrario per il processo del ristorante a Santa Monica”. Non fa segreto quindi delle tempistiche burocratiche. Certo è che il numero uno di Tesla non sta mai fermo e continua a compiere passi avanti per l’apertura di un proprio ristorante. Nella domanda presentata si parla sia di ristoranti in presenza, che da asporto e self-service. Già nel 2018 Musk aveva pubblicato un tweet che parlava dell’apertura di un ristorante in una delle nuove sedi Supercharger a Los Angeles.

Il CEO ha intenzioni serie, lo sappiamo, anche se come abbiamo detto ovviamente ci sono dei tempi canonici da rispettare che rallenteranno i processi. Per ottenere i permessi pare che ci vorranno dai 6 ai 9 mesi, a seconda della posizione.

Circa Redazione

Riprova

Morta Diana De Feo, giornalista e moglie di Emilio Fede

E’ morta Diana De Feo, nota giornalista e moglie di Emilio Fede. De Feo aveva 84 …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com