Hong Kong. La polizia spara sui dimostranti: due feriti, uno è in gravi condizioni

Continuano gli scontri a Hong Kong tra polizia e manifestanti, impegnati a bloccare la circolazione stradale. Almeno due persone sarebbero state colpite da colpi di pistola sparati dagli agenti a Sai Wan Ho. Entrambi, secondo i media locali e i filmati postati sui social, sono stati portati via in ambulanza e sembrerebbero coscienti. Le autorità sanitarie locali fanno sapere, però, che uno dei due feriti, un 21enne colpito da un colpo di pistola ravvicinato sparato da un agente di polizia, verserebbe in condizioni critiche. Colpito da un proiettile al petto il ragazzo è stato operato d’urgenza ed attualmente è in terapia intensiva.

La polizia di Hong Kong ha lanciato cinque raffiche di lacrimogeni a Pedder Street, nel cuore della città dove sono ubicati molti uffici, tentando di disperdere i manifestanti che da questa mattina stanno in piccoli gruppi cercando di bloccare i mezzi trasporto creando barricate sulle principali vie in diversi distretti.

“E’ doloroso vedere la città caduta in uno stato di polizia”, scrive su Twitter Joshua Wong, leader del ‘movimento degli ombrelli’ del 2014 e tra gli attivisti più in vista del fronte pro-democrazia di Hong Kong, criticando le violenze di oggi tra manifestanti e polizia, che ha usato metodi molto duri. Lo stesso Wong ha rilanciato un video amatoriale in cui si vede un agente in moto che cerca di investire gli attivisti vestiti di nero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com