Guerra nel Pd, con Alessia Morani che pensa al ricorso contro Tarquinio

Alessia Morani, candidata alle europee con il Partito democratico, non andrà a Bruxelles per soli 1.400 voti, quelli che la separano da Marco Tarquinio. Eppure, per la Morani potrebbero esserci state delle irregolarità nel conteggio. ‘Sono stati caricati dati rispetto ai voti di lista e di preferenza che non sono corrispondenti rispetto ad alcune annotazioni fatte da rappresentanti di lista o da scrutatore’.

Una volta conteggiate le schede capitoline, è arrivato il sorpasso alla curva finale di Marco Tarquinio su Alessia Morani per l’ultimo posto utile con vista Bruxelles.  Fonti vicine all’ex deputata dem fanno trapelare la netta intenzione di Morani di fare ricorso per chiedere il riconteggio delle schede. L’ex direttore di Avvenire ha preso nella Capitale 14.104 preferenze, mentre Morani si è fermata a 8.678. Voti decisivi per scavare un solco tra i due, dato che alla fine in tutta la circoscrizione Tarquinio ha preso 42.016 schede mentre la sua rivale (espressione peraltro dell’ala riformista, totalmente contrapposta a quella di Tarquinio) si è fermata a 40.666.

L’elezione di Marco Tarquinio fa scoppiare il Pd. L’ex direttore dell’Avvenire, candidato alle elezioni europee come indipendente con i dem nonostante posizioni “contro-linea” su aborto e guerra in Ucraina, ha conquistato il seggio a Strasburgo all’ultima scheda, avendo superato per una manciata di preferenze l’ex sottosegretaria allo Sviluppo parlamentare Alessia Morani.

Lo scarto ridottissimo, meno di 2mila preferenze,   starebbe convincendo l’ex parlamentare marchigiana a presentare un ricorso per chiedere un clamoroso riconteggio.

Nel duello tra i due potrebbe aver influito e non poco il caos nella Circoscrizione Centro, soprattutto a Roma: nella Capitale Tarquinio ha preso 14.104 voti contro gli 8.678 della Morani, “voti decisivi per scavare un solco tra i due, dato che alla fine in tutta la circoscrizione Tarquinio ha preso 42.016 schede mentre la sua rivale (espressione peraltro dell’ala riformista, totalmente contrapposta a quella di Tarquinio) si è fermata a 40.666”.

Circa Redazione

Riprova

Cutro, Biloslavo: ‘La colpa è dei trafficanti e degli scafisti’. Cutro, Piantedosi: ‘Il garantismo valga anche per i servitori dello Stato’

I veri colpevoli del tragico naufragio di Cutro (quasi cento vittime) sono i trafficanti di …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com