Guerini: da Cei parole importanti per “andare oltre”

“Circolano voci incontrollate di una possibile mediazione sul tema dell’art. 18, mentre il segretario continua a negare che vi possano essere compromessi e sarebbe corretto avere un documento scritto con i dettagli sui quali si orienterà il lavoro del partito e del governo per poterli valutare”,   afferma Pippo Civati, mentre Pier Luigi Bersani trova  che:  “Non si sta parlando dei diritti di milioni di lavoratori. E il rischio, se la delega non cambia, è che si realizzi un maggiore apartheid tra i lavoratori.  La base di discussione può essere la proposta di Boeri e Garibaldi. Sul numero degli anni dopo cui far scattare il reintegro si può discutere, quelli di Boeri sono eccessivi, ma in quella proposta c’è l’idea di una vera unificazione del percorso”.  “La riforma del lavoro, fuori da polemiche ideologiche, estende tutele e diritti a chi fino ad oggi non li ha avuti e incentiva le imprese ad assumere”,  afferma diversamente Lorenzo Guerini, vice segretario del Partito Democratico, innestando nel discorso le parole della Cei: “Le parole di oggi della Cei sono un importante appello rivolto a tutti gli attori politici e il governo sta lavorando per rispondere con i fatti”,  commentando  l’intervento del segretario generale della Conferenza episcopale italiana, Nunzio Galantino, che invita “la politica ad andare oltre le chiacchiere per ridisegnare l’agenda mettendo tra le priorità: famiglia, lavoro, giovani”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com