Governo, ultimatum di Draghi ai partiti: “Ora basta o me ne vado”

Un Consiglio dei Ministri convocato in tutta fretta nel tardo pomeriggio di giovedì e chiuso in soli dieci minuti, in cui Mario Draghi ha sostanzialmente dato l’ultimatum ai partiti della maggioranza: basta divisioni su qualunque cosa o me ne vado a casa. I distinguo e le recriminazioni, dal punto di vista del premier, non fanno parte di questa fase politica, in cui è fondamentale portare a termine le riforme necessarie a portarsi a casa i soldi del PNRR.

Il Cdm d’urgenza

L’allarme rosso tra i ministri suona poco dopo le 17, quando vengono convocati d’urgenza in Cdm per “comunicazioni” del premier. Tutti ignorano perché Mario Draghi voglia vederli, e così a stretto giro dai lanci di agenzie che danno notizia del Cdm dell’ultimo minuto la preoccupazione si diffonde tra Camera e Senato, anche perché “tira brutta aria”, il messaggio che rimbalza. Insieme alla convinzione che, dopo la strigliata del 17 febbraio scorso ai capidelegazione delle forze di maggioranza, il premier abbia quanto meno pronta una nuova ramanzina, per l’atteggiamento sulle armi di parte della maggioranza -leggi M5S e Lega- nonché per i ritardi sulla legge delega sulla concorrenza, impaludata in commissione Industria al Senato da mesi.

Il Cdm si rivela una riunione lampo, appena 8 minuti. Draghi non ‘tira le orecchie’ ai suoi, ma annuncia che sulla riforma della concorrenza non sono ammessi ritardi, essendo uno dei pilastri del Pnrr. Quindi sì, la mediazione è importante, ma il treno del Next Generation Eu lo è altrettanto se non di più, dunque ritardi non sono ammessi.

Verso la fiducia

Si veleggia verso la fiducia sul provvedimento, annuncia dunque il presidente del Consiglio: verrà posta entro fine maggio, sul testo base se non ci sarà alcun accordo, su quello frutto di intesa se il traguardo verrà tagliato non prima di fine mese. “Nel pieno rispetto delle prerogative parlamentari”, puntualizza il presidente del Consiglio. Rimarcando tuttavia come “il mancato rispetto di questa tempistica metterebbe a rischio, insostenibilmente, il raggiungimento di un obiettivo fondamentale del Pnrr, punto principale del programma di governo”. Annuiscono tutti i ministri, d’accordo col premier.

Balneari nodo da sciogliere

Ora il nodo principale da sciogliere resta quello sui balneari, con le concessioni che dovranno andare in gara a partire dal gennaio 2024 e la questione, affatto secondaria, dell’aumento degli indennizzi per chi si vedrà costretto a lasciare il proprio lido. C’è poi lo scoglio della nomina dei componenti dell’Authority, ma all’apparenza arginabile o quanto meno di più facile soluzione. Tutti si dicono certi che le parole di Draghi andranno a segno, tant’è che il Cdm ha dato l’assenso, senza distinguo, alla questione di fiducia da porre sulla riforma. Disco verde della Lega e ok pieno di Fi, i due partiti più restii a cambiare le regole del gioco sui balneari.

Circa Redazione

Riprova

SIFUS CONFALI E DE LUCA SUGLI INCENDI REGIONE CAMPANIA

“Coda del lupo, Monte Somma, Sessa Aurunca, Galleria del Messico, Monte Barbaro e tanti altri …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com