“Glory Wall” | Piccolo Bellini, dal 7 al 12 marzo

Leonardo Manzan, classe 1992, si diploma attore alla Civica Scuola di Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Esordisce alla regia con lo spettacolo It’s App to You (vincitore di numerosi premi tra cui InBox 2018). Vince il bando per registi Under 30 della Biennale di Venezia 2018/19 con lo spettacolo-concerto Cirano deve morire. Invitato alla Biennale Teatro 2020, presenta lo spettacolo Glory Wall che si aggiudica il premio come Miglior spettacolo, ed è la sua personale interpretazione del tema del Festival: la censura.

“l’arte vive di costrizioni e muore di libertà” Paul Valéry

Affiancato – sia nella scrittura che in scena – dalla preziosa collaborazione del suo coetaneo Rocco Placidi, Manzan si misura dunque con il tema che Antonio Latella ha scelto per la Biennale Teatro 2020: la censura. Un tema delicato, affascinante e attuale, soprattutto se lo si accosta al concetto di Teatro. L’arte vive di costrizioni e muore di libertà: la censura è quindi vitale per l’arte, l’arte è scandalo e lo scandalo a sua volta implica la censura.

Un vero e proprio corto circuito di idee e spunti di riflessione sui quali sta lavorando il giovane autore e regista.

Note di regia

“Cos’è la censura? Cosa si censura? Ci sono dei campi più soggetti alla censura? E se sì perché? Qual è il limite da superare oggi, in Italia, per essere censurati?” Ecco cosa si domandano Manzan e Placidi nel loro Glory Wall, arrivando alla conclusione che il palco, e solo quello, può amplificare significati e effetti di cose che nel mondo ci lasciano indifferenti. Una riflessione tutt’altro che ridicola, perché è nell’immaginazione che siamo più vulnerabili e continuamente soggetti alla più sottile e perfetta forma di censura. Dopotutto come diceva il marchese De Sade esiste un limite tra ciò che è possibile immaginare e ciò che è possibile realizzare, ma questo alla censura non interessa.

Dal 7 al 12 marzo

Piccolo Bellini

Glory Wall

di Leonardo Manzan e Rocco Placidi

con Paola Giannini, Giulia Mancini, Penelope Sangiorgi, Leonardo Manzan, Rocco Placidi

scenografie Giuseppe Stellato

light designer Filippo Lilli

regia Leonardo Manzan

produzione La Fabbrica dell’Attore – Teatro Vascello, Elledieffe

Miglior spettacolo della Biennale Teatro di Venezia 2020

Orari spettacoli: feriali h. 21:00, mercoledì h. 18:00, sabato h. 19:30, domenica h. 18:30

Prezzi: a partire da 15 €

Durata: 90 minuti

Circa Redazione

Riprova

RAME 2024 – LE RADICI DEL MEDITERRANEO | Festival Internazionale di Teatro e Arti Performative | Melissa (KR) | Teatro Ebasko

Dal 25 al 28 luglio avrà luogo la quinta edizione di RaMe – Le Radici del Mediterraneo, festival internazionale di teatro …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com