Gli Usa puntano su scienziata italiana per il ‘supercomputer’

E’ giovane, è donna ed è siciliana la ricercatrice sulla quale qualche giorno fa il governo americano ha scelto di puntare  per guidare il Superconducting Quantum Materials and Systems Center di Chicago, affidandole, ad appena 40 anni, 115 milioni di dollari da gestire e 200 scienziati da coordinare. L’obiettivo del centro sarà quello di sviluppare il più evoluto computer quantistico mai concepito dalla mente umana. A guidare appunto questa impresa sarà la nostra Anna Grassellino, di professione ingegnere elettronico, originaria di Marsala, provincia di Trapani, una delle scienziate più importanti al mondo, già premiata nel 2017 da Barack Obama.
Ci sono complessivamente cinque centri come questo in tutti gli Stati Uniti. Gli altri quattro sono diretti da uomini.
Un riconoscimento straordinario a coronamento di una grande carriera per lei.

Madre di tre figli con il marito, collega di lavoro, non condivide solo la professione ma anche i sacrifici dell’essere genitore. E’ l’ennesima storia tipica del nostro Bel Paese che produce cervelli e talenti, investendo anche somme ingenti per la la loro formazione, e poi li lascia andare lontano non potendo garantire un futuro degno a chi invece potrebbe migliorarlo sensibilmente con le proprie capacità e la propria professionalità.
E intanto laggiù a Chicago, nel gotha della fisica mondiale, c’è una donna e un bel pezzo di Sicilia che gli americani si coccolano e tengono stretta.

Circa redazione

Riprova

Regno Unito: 1.500 persone arrestate in operazione anti droga

Quasi 1.500 persone sono state arrestate in Inghilterra e Galles, durante un’operazione della polizia che …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com