Gli Usa fanno arrestare in Canada la figlia del fondatore di Huawei

Gli Stati Uniti d’America hanno fatto arrestare Meng Wanzhou direttrice finanziaria di Huawei e figlia del fondatore del colosso di telefonia. L’accusa è di aver violato l’embargo nei confronti dell’Iran. L’arresto della donna è avvenuto a Vancouver in Canada e sicuramente contribuirà ad infiammare di nuovo le tensioni sull’asse Washington-Pechino, dopo la recente tregua sui dazi. La direttrice finanziaria, nota nel mondo occidentale come ‘Sabrina’, rischia adesso l’estradizione negli Stati Uniti. Il ministero degli Esteri cinese ne ha chiesto l’immediato rilascio.

”In occasione di un suo viaggio d’affari il Cfo di Huawei Meng Wanzhou è stata provvisoriamente detenuta dalle autorità canadesi a nome degli Stati Uniti d’America – che ne chiedono l’estradizione – per far fronte ad accuse non specificate del distretto orientale di New York”, spiega Huawei in una nota. “All’azienda – si legge ancora – sono state fornite poche informazioni riguardo le accuse e non è a conoscenza di alcun illecito da parte della signora Meng. Siamo convinti e fiduciosi che le autorità canadesi e statunitensi raggiungeranno senza dubbio una conclusione corretta e imparziale”.
“Huawei rispetta tutte le leggi e le regole dei Paesi in cui opera, incluse quelle in materia di controllo delle esportazioni delle Nazioni Unite, degli Stati Uniti e dell’Ue”, conclude la nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com