Gli alieni e le passioni di PierBo in mostra al Margutta RistorArte

Un’esplosione geniale di colori, idee, messaggi, emozioni, provocazioni e oggetti stranamente attaccati alle tele che sfidano la forza della gravità. Si presenta così, in poche parole, la mostra di PierBo “Out of Here”, inaugurata presso gli spazi espositivi de Il Margutta RistorArte di Roma, a cura di Francesca Barbi Marinetti e organizzata da Tina Vannini. Sono 27 i quadri in mostra, più un diario sfogliabile posto su un leggio. La mostra, ad ingresso libero, durerà sino al 15 marzo. Tanti gli ospiti intervenuti durante il vernissage d’apertura: la giornalista Floriana Bertelli, la cantante e atttrice Mita Medici, il conduttore e giornalista radiofonico Daniel Della Seta, da Cento Vetrine le attrici Cristina Moglia e Beatrice Aiello, il fotografo dei vip Gianni Brucculeri, la conduttrice Samya Abbary, l’ex Miss Italia Nadia Bengala, la psicoterapeuta Irene Bozzi. La serata ha visto anche una divertente performance di recitazione su un testo scritto per l’occasione dallo scrittore e sceneggiatore Maurizio Cohen e ispirato alle opere esposte. Ma ci sono stati applausi e flash anche per le simpatiche maschere di Batman e Silvio Berlusconi. L’esposizione combina passione e fantasia, quotidianità e straordinarietà: non c’è un filo conduttore a livello tematico, quanto le emozioni e i desideri di un artista che usa la tela come specchio e come lente d’ingrandimento, per scoprire se stesso, ma anche tutto ciò che lo circonda. Alternando episodi reali a realtà parallele, l’artista colpisce per il suo stile incisivo, essenziale, forte, arrabbiato, emozionante e colorato. Molte le icone che scendono dall’olimpo per prendere una posizione nella lotta quotidiana: da Clint Eastwood a Fabrizio De André. Ma non finisce qui: PierBo sarà protagonista anche di una performance live per la cena di San Valentino, sempre presso il Margutta RistorArte. La sua opera verrà poi messa in vendita la sera stessa, e il ricavato sarà devoluto in beneficenza all’associazione Emergenza Sorrisi. Lo stile che ho seguito per la mia mostra è molto facile da descrivere: è semplicemente il mio, e non so che roba sia,  spiega PierBo.  Non conosco un artista contemporaneo vivente, sono ignorante in materia. Cinque anni fa sono uscito da casa e ho comprato una tela e colori, il resto è venuto. Credo che ogni quadro sia diverso. E voglio che sia così. Che piacciano o meno, nessuno deve avere uno stesso quadro: lo troverei una mancanza di rispetto. Per il resto parto da un’idea, da un oggetto, da una frase ascoltata al bar o appuntata sul blocco sul comodino. PierBo, nome in arte di Pietro Bottai, è oggi pronto per la sua prima mostra personale. Pietro si è approcciato al mondo della pittura con lo stupore di un bambino: ha preso il pennello e lo ha intinto nell’acrilico per colorare quella tela bianca con emozioni e poesia, riversando rabbia e amore. Proprio l’amore è uno dei principali protagonisti delle sue opere, che vive sempre con passione e incredibile fantasia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com