Gilet gialli in piazza a Parigi: scontri e arresti

Nuova escalation dei gilet gialli. Dopo le manifestazione pacifiche delle scorse settimane, nel sabato di Pasqua bisogna registrare degli scontri a Parigi tra i casseur e la polizia. Cassonetti date alle fiamme, auto danneggiate e reazione degli agenti per fare disperdere la folla. Il primo bilancio è di 126 fermati ma il numero potrebbe aumentare nelle prossime ore visto che gli scontri non si fermano. Secondo le prime informazioni non si registrano feriti o morti ma l’attenzione resta molto alta. Il governo francese per questa nuova protesta ha dispiegato oltre 60 mila agenti in tutto il Paese mentre nella Capitale sono 5 mila i poliziotti chiamati per cercare di garantire la massima sicurezza.

Alla vigilia – come confermato dai media francesi – il governo ha vietato una manifestazione nei pressi della cattedrale di Notre-Dame dopo quanto successo nella giornata di lunedì. Nelle prime ore di sabato c’è un incontro all’Eliseo tra il ministro Castaner e il presidente Macron per fare il punto della situazione. La tensione continua a restare molto alta con diverse città blindate per garantire una maggiore sicurezza ai cittadini e ai turisti che hanno deciso di trascorrere queste lunghe vacanze pasquali in Francia.

Per l’ennesima manifestazione dei gilet gialli il Comune ha deciso di blindare Parigi. Chiuse molte stazioni della metropolitana e sorveglianza rafforzata per tutti i siti che possono essere presi di mira dai vandali in questo nuovo sabato di protesta. Tensione alta in diverse città transalpine che si preparano nelle prossime ore a fare i conti con i danni che potrebbero essere diversi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com