Gb: crolla il “muro rosso”, Labour identificato con Remain

Le elezioni britanniche hanno buttato giu’ il ‘muro rosso’ che i laburisti avevano eretto nel corso di decenni con le proprie roccaforti elettorali, che oggi coincidono con quelle in cui aveva vinto il Remain: da questo punto di vista la tornata elettorale di ieri e’ stata anche ubn secondo referendum sulla Brexit. La maggior parte dei voti e’ sparita nell’Inghilterra del Nord, in quella fascia che collega Newcastle con Liverpool. Un tempo era la zona piu’ di sinistra del Paese, tanto che il Labour l’aveva ribattezzata “Red Wall” o “Heartland”, la terra del cuore.

Diverse roccaforti laburiste, spiega Youtrend, hanno resistito ma moltissime altre sono state espugnate dai Conservatori. Il Labour ha perso un terzo dei suoi collegi pro-Brexit, mentre ha tenuto quasi il 90% di quelli dove aveva vinto il Remain. Se concentriamo solo l’attenzione sui collegi laburisti del 2017 in cui il Leave ha vinto con piu’ del 65% le perdite sono ancora piu’ pesanti, con circa la meta’ di questi seggi che passa ai Conservatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com