GB. Svolta storica, le figlie femmine saranno regine

In Gran Bretagna, dopo 300 anni cambia la legge sulla succesione al trono. Un tempo, la legge stabiliva che l’erede al trono doveva essere il primo figlio maschio di un monarca e solo in assenza di maschi spettava alla figlia femmina. A spingere per il cambiamento anche il premier Cameron dopo oltre 300 anni cambia la legge di successione al trono nel Regno Unito. In futuro, riferisce la Bbc, i figli maschi e le figlie femmine dei monarchi britannici avranno eguali diritti. Il cambiamento, sostenuto dal premier David Cameron, è stato approvato dai 16 leader dei Paesi del Commonwealth nei quali la Regina Elisabetta è capo di Stato, riuniti a Perth, in Australia. In base alla precedente legge, l’erede al trono era automaticamente il primo figlio maschio di un monarca. Solamente in assenza di figli maschi, come nel caso del padre di Elisabetta, Giorgio VI, la corona spettava alla prima figlia femmina.

Aprendo il summit di Perth, la Regina ha affermato che le donne dovrebbero avere un ruolo maggiore nella società. Cameron, al suo arrivo in Australia, ha spiegato che dopo il matrimonio del principe William la riforma della legge di successione non poteva più essere rimandata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com