FS : Assediata dai lavoratori della Wastells

Un gruppo di lavoratori licenziati dalla Wasteels hanno presidiato per oltre trenta giorni la Direzione Generale delle FS a piazza della Croce Rossa in Roma. Contestano il loro licenziamento per la soppressione dei treni/notte con servizi internazionali di vagoni letto e cuccette per le relazioni Venezia-Parigi e Roma-Parigi (lo storico treno denominato “Palatino” in collegamento da Roma Termini a Parigi Gare de Lyon). I servizi offerti dalle FS SpA e dati in gestione alla Società Wasteels da decenni rischiano di essere “svenduti” alla multinazionale francese Veolia Envoironment. L’operazione è fortemente contestata dai lavoratori licenziati perché arriva dopo gli enormi investimenti che la Società FS ha effettuato per l’ammodernare 80 vetture/notte e la consegna delle nuove divise agli ex 800 dipendenti della Wasteels.

Con grande pacatezza e altrettanta determinazione, il rappresentante dei lavoratori Vito Colasuonno, dice “che il loro presidio terminerà in attesa che l’Amministratore Delegato delle FS si impegni ad aprire un tavolo di confronto con le OO.SS. per trovare una soluzione alla drammatica posizione di centinaia di lavoratori e dei loro famigliari”.

Una cosa è certa: come si possono contemperare i due comportamenti delle FS SpA che, da una parte, tagliano e svendono creando disoccupazione mentre, dall’altra, come si legge sul periodico aziendale “La Freccia”, le “FS proseguono la crescita a tutta velocità” con un incremento dei ricavi operativi di circa 8,3 miliardi di euro ed in particolare modo la Società Trenitalia chiude l’esercizio 2012 con un utile netto di 156 milioni di euro e RFI chiude con un risultato netto di + 98 milioni di euro? Si può speculare sui lavoratori e sul loro futuro?

Giuseppe Cipollitti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com