Forze ucraine respinte dal centro di Severodonetsk dai russi

Le truppe russe hanno estromesso l’esercito ucraino dal centro di Severodonetsk, città chiave nell’Ucraina orientale dove i due eserciti stanno combattendo da settimane. Lo ha annunciato lo stato maggiore ucraino. “Con il supporto dell’artiglieria, il nemico ha preso d’assalto Severodonetsk, ottenuto un successo parziale e ha respinto le nostre unità dal centro della città. Le ostilità continuano”, ha affermato l’esercito nel suo aggiornamento mattutino pubblicato su Facebook.

Sergei Gaidai, governatore della regione di Lugansk – di cui Severodonetsk è il centro amministrativo per la parte controllata dalle autorità ucraine – ha confermato che le forze ucraine sono state respinte dal centro cittadino. “Continuano le risse di strada (…) i russi continuano a distruggere la città”, ha scritto questa mattina su Facebook, postando foto di edifici in rovina o in fiamme. I bombardamenti russi hanno preso di mira l’impianto chimico di Azot dove si rifugiano i civili e hanno colpito gli impianti di trattamento delle acque reflue della città, ha aggiunto. Nella vicina città di Lysytchansk, tre civili, tra cui un bambino di sei anni, sono morti nei bombardamenti nelle ultime 24 ore, secondo il governatore. La presa di Severodonetsk aprirebbe la rotta di Mosca verso un’altra grande città del Donbass, Kramatorsk, un passo importante nella conquista dell’intera regione di confine con la Russia, controllata in parte dai separatisti filo-russi dal 2014.

Circa Piera Toppi

Riprova

Cremlino ammette: commessi errori durante mobilitazione parziale

Il Cremlino ammette che sono stati commessi errori durante la mobilitazione parziale e spera che …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com