Fitto: Forza Italia sia pronta a voto anticipato

FI deve essere pronta in caso di elezioni anticipate e deve essere il motore trainante di una riorganizzazione del centrodestra. Ma se la percezione è quella di un’ opposizione silenziosa che rischia di perdere credibilità dobbiamo riposizionarci, afferma Raffaele Fitto a ‘L’intervista’ su SkyTg24.  Riferendosi alle elezioni per la Consulta, Fitto sostiene che “i numeri indicano chiaramente che il voto è stato molto complesso tra i diversi gruppi parlamentari. Attribuire alle sole divisioni di FI l’esito della votazione sarebbe un errore. C’è un problema in diversi gruppi a partire dal Pd. Penso  ci sia bisogno di un confronto maggiore con i gruppi parlamentari e lo dico senza polemica.  Sarebbe stato utile avere occasioni di un maggior coinvolgimento, avrebbe evitato situazioni da non attribuire a logica politica ma a un malessere generale. Violante e Catricalà  sono nomi di grande livello. Ma il tema è riuscire a fare in modo che i gruppi parlamentari non sappiano a pochi minuti le indicazioni, ma siano maggiormente coinvolti. Questo eviterebbe i problemi. Ritengo che quanto sia successo non sia frutto del dissenso di un singolo o di un gruppetto, ma di una situazione più ampia. Io non sono abituato a rappresentare le fronde, perché le fronde si muovono nel silenzio, mentre io parlo pubblicamente. Da tempo vado dicendo che sia indispensabile aprire un dibattito nel partito. Non accetto, però, quanto accaduto l’altro giorno, perché nessuno ha titolo per dire alcune cose nel partito, serve un confronto aperto. Io non me ne vado. FI è il mio partito e intendo restarci”. Chiude con un monito: “Bisogna affermare con chiarezza chi siamo e il progetto politico che proponiamo. Siamo un partito sceso in cinque anni sceso da 13 a 4 milioni di elettori: a questo dobbiamo pensare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com