Figli intelligenti? Non è merito del papà: da chi si eredita

Sarà anche vero il tradizionale modo di dire che recita ‘tale padre, tale figlio’, ma non vale quando si parla di intelligenza. Ebbene sì, con buona pace dei papà, più che il padre i bimbi intelligenti devono ringraziare la mamma per il prezioso dono dell’intelletto. La scienza, infatti, ha individuato proprio nella madre il genitore responsabile della trasmissione dei geni legati all’intelligenza. Sono svariate, ormai, le ricerche che concordano in tal senso, grazie ai cosiddetti ‘geni condizionati’. Questi, infatti, hanno comportamenti differenti a seconda che siano ereditati da mamma o papà e si attiverebbero a livello cellulare solamente se di derivazione femminile.

Fino a tempi recenti, gli studi non avevano ancora permesso di capire a quale genitore attribuire con esattezza l’ereditarietà per quanto riguarda il quoziente intellettivo. E per molto tempo si è ritenuto che vi fosse una concorrenza nel ruolo praticamente a metà. Ma gli ultimi studi hanno fatto luce su questo aspetto, individuando i geni legati all’intelligenza nel cromosoma X.

Nello specifico, è stato rilevato che i geni materni si sviluppano a livello della corteccia cerebrale all’interno della quale i ricercatori non hanno rintracciato cellule paterne. Si tratta della parte del cervello da cui dipendono le funzioni cognitive complesse, tra le quali il pensiero razionale, l’articolazione del linguaggio e, appunto, l’intelligenza. Al contrario, le cellule provenienti dai geni del padre risultano accumularsi e crescere nella parte del cervello che guida le emozioni, come ipotalamo e amigdala che costituiscono il sistema limbico.

A scanso di equivoci è bene chiarire un fatto: l’intelligenza è solo parzialmente ereditaria, ovvero dipende dal patrimonio genetico all’incirca per il 40% – 60%. La percentuale rimanente è, invece, legata all’ambiente e, quindi, agli stimoli che l’essere umano riceve in fase di crescita e alla capacità di rispondervi in maniera via via più efficace. Lo sviluppo dell’intelligenza, poi, comprende anche la sfera emotiva e subentrano anche i geni del babbo.

Si tratta, quindi, di una costruzione complessa tale per cui se da una parte il corredo genetico fornito dalle mamme costituisce le fondamenta, dall’altra parte intervengono una serie di componenti di varia natura compresi i geni dei padri.

Circa Redazione

Riprova

Sicilia Hi-tech: la giapponese Yokogawa ha acquisito BaxEnergy, 150 mln per lo start

Il ministro Urso: «Quella annunciata oggi è una via per costruire un futuro competitivo in …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com